Jeremy Schulz o Martin Macron?

Articolo tradotto da “Spiegel Online – Jeremy Schulz oder Martin Macron?”

A chi dovrebbe ispirarsi il candidato alla Cancelleria tedesca, Martin Schulz? Al francese Macron o al britannico Corbyn? Ecco una lista di lezioni offerte dalla politica di sinistra

In Francia, Emmanuel Macron ha stravinto le elezioni, conquistando prima la Presidenza e poi, a quanto sembra, anche il Parlamento. In Gran Bretagna, Jeremy Corbyn, candidato del partito laburista, ha inaspettatamente ottenuto uno straordinario successo. In Germania, nel frattempo, Martin Schulz sta cercando in tutti i modi di convincere gli elettori che, contrariamente a ciò che in molti pensano, la sua carriera politica non è ancora arrivata al capolinea.

Jeremy Schulz o Martin Macron? A chi dovrebbe ispirarsi il candidato della SPD?

Dando un’occhiata alle foto di Martin Schulz circolate più recentemente, potrebbe prevalere l’ipotesi del modello francese: sguardo da statista, atteggiamento deciso, abito scuro, solitamente fotografato in tralice. Anche per quanto riguarda i contenuti il social-liberalismo del francese Macron si avvicina senz’altro di più alle idee del compagno tedesco rispetto al socialismo radicale del britannico. Proseguire su questa linea, però, porterebbe soltanto ad un gran malinteso.

neuer-starker-mann-der-spd-der

Né Photoshop, né nessun altro tipo di fotoritocco potrebbe trasformare l’ex sindaco di Würselen in una star della politica. Inoltre, con un presunto social-liberalismo alla Merkel nessun candidato della SPD potrà mai diventare Cancelliere. C’è anche da dire che Macron non sarebbe comunque adatto a fare da esempio per Schulz. È proprio lo stesso francese, infatti, che si ispira al modus operandi della Cancelliera tedesca. Si potrebbe dire che Macron è semplicemente un Monsieur Merkel à la française. Quanto sociale apparirà il neoeletto Presidente e presunto social-liberale agli occhi del popolo francese alla fine del proprio mandato, beh, questo è tutto da vedere.

Teoricamente, lo scompigliato Corbyn si adatta molto di più al profilo del candidato della SPD rispetto al giovane e raggiante Macron. Per Schulz il successo di Corbyn rappresenta, infatti, più di una lezione sul mero piano politico.

Ciò che conta è che la partita è ancora aperta. Basti ricordare che l’estate scorsa un giornalista tedesco della “Suddeutsche Zeitung”, Stefan Kornelius, aveva dichiarato che il partito laburista alla guida di Jeremy Corbyn era come un “uomo a metà”.

In autunno, lo “Spiegel” scriveva “il partito alla guida del vecchio socialista Jeremy Corbyn è ridotto a un cumulo di macerie”. Tuttavia, in seguito alla decisione della Premier britannica, Theresa May, di indire elezioni anticipate, i laburisti avevano già guadagnato ben 23 punti percentuali sui conservatori. Inoltre, stando alle statistiche del tempo, Corbyn si era già portato a casa il 40% dei consensi.

corbyn-fist_3440835b

Prima delle elezioni Corbyn ha dichiarato: “secondo una buona parte dei Media e dell’establishment il risultato elettorale è già scritto. Non vogliono che vinciamo, poiché se vinciamo, è il popolo che vince e non i poteri forti.” Ed infatti, tutti quelli che ad oggi dicono che il risultato delle elezioni è già scritto, vogliono solo che in Germania tutto resti così com’è.

Negare l’esistenza di un processo politico è il modo più evidente per celare la propria inclinazione politica.

La seconda importante lezione per la SPD è sul tema sicurezza.

Corbyn è stato abbastanza coraggioso da non cedere il tema “sicurezza” ai conservatori, presunti specializzati nel settore. La sicurezza è in realtà un valore di sinistra e soprattutto un valore socialdemocratico. La sicurezza sul posto di lavoro, la sicurezza di un salario minimo, la sicurezza sociale. E poiché una società equa è anche una società sicura, anche tutti gli altri tipi di sicurezza fanno parte dei valori di sinistra, come la sicurezza sanitaria e patrimoniale. Martin Schulz ha affermato: “I ricchi possono comprarsi la propria sicurezza, altri dipendono dall’efficienza dello Stato”. La sicurezza è una questione di giustizia.

Il sociologo Oliver Nachtwey, dopo il successo di Corbyn, ha postato su Twitter una serie di pensieri relativi ad alcune lezioni impartiteci dalla politica di sinistra. Serie di pensieri che riportiamo qui di seguito e che potremmo chiamare “i 12 Comandamenti della politica di sinistra”:

  1. La politica di sinistra può appassionare gli elettori.
  2. La politica di sinistra si rivolge ai tanti, non ai pochi. La buona politica è sempre una politica populista.
  3. La politica di sinistra si basa sulla speranza invece che sulla paura, sulla solidarietà invece che sulla competizione; parla di futuro invece che di passato, di giustizia invece che di sempre più diffusa disuguaglianza.
  4. La fede nello strapotere dei mercati appartiene al passato. Le persone pretendono risposte dalla politica.
  5. Lo stato sociale è un modello per il futuro.
  6. Tutto ciò che è stato privatizzato può essere di nuovo statalizzato.
  7. La sicurezza è un tema di sinistra; e non solo la sicurezza sociale.
  8. La politica non si può basare sui sondaggi. O comunque, in ogni caso, il risultato delle elezioni non può basarsi sui sondaggi. Si tratta, infatti, di credibilità personale.
  9. Se si sa come usarli, i social media possono essere più importanti e decisivi rispetto ai media tradizionali.
  10. La campagna elettorale porta a porta dà i suoi frutti.
  11. La tranquillità è il primo dovere a cui un candidato deve assolvere. Non importa se viene attaccato dai media o dagli oppositori interni al partito.
  12. I giovani sono il futuro di un Paese. La buona politica è una politica per i giovani.

Non è che i socialdemocratici tedeschi potrebbero gentilmente appendersi questi punti alla porta del bagno?

E la prossima volta che il candidato socialdemocratico si presenterà, per favore, si presenti così:

Il mio nome è Schulz, Martin Schulz.

 

Fonti:

http://www.spiegel.de/politik/deutschland/martin-schulz-jeremy-corbin-oder-emmanuel-macron-als-vorbild-kolumne-a-1151686.html

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...