Africa al voto: Botswana, storia di un Paese

La Repubblica del Botswana in Africa del Sud – un tempo protettorato britannico, ora è un Paese indipendente con una democrazia stabile e un’economia di successo, in transizione dal suo status di Paese tra i più poveri del mondo a un livello di reddito medio, con istituzioni finanziarie solide e piani per reinvestire il reddito creato dal commercio di risorse naturali. Il Botswana non ha sbocco sul mare, è dominato dal deserto del Kalahari e dalle pianure ed è ricco di diamanti e altri minerali.

Il territorio del Botswana è stato abitato fin dagli albori dell’uomo moderno, circa 100.000 anni fa. L’impero del Grande Zimbabwe si estese fino al Botswana orientale mille anni fa, e più gruppi sono migrati dal Transvaal. Durante le guerre zulu dell’inizio dell’800 ci furono numerose migrazioni zulu, persone provenienti dal Sudafrica. Il gruppo commerciava avorio e pelli con gli europei in cambio di armi da fuoco ed era stato cristianizzato dai missionari.

Protettorato britannico

Minatori e cercatori bianchi arrivarono numerosi in Botswana nel 1867-69 per iniziare l’estrazione dell’oro; la corsa al minerale prezioso fu però di breve durata, mentre il complesso di miniere di diamanti a Kimberley, in Sudafrica, divenne la prima grande area industriale dell’Africa del Sud dal 1871. I lavoratori migranti dal Botswana e dai Paesi più a nord si riversarono quindi nel Kimberley e più tardi nelle miniere d’oro del Transvaal sudafricano.

La “lotta per l’Africa” nel 1880 portò alla colonizzazione tedesca del Sudafrica occidentale. La nuova colonia tedesca minacciò di unirsi attraverso il Kalahari con la repubblica boera indipendente del Transvaal. Gli inglesi della Colonia del Capo risposero utilizzando i loro collegamenti missionari e commerciali con gli Stati del Tswana per mantenere aperte le strade attraverso il Botswana per l’espansione britannica verso lo Zimbabwe e gli Zambesi. Nel 1885 gli inglesi instaurarono quindi un protettorato sugli alleati di Tswana e sul Kalahari fino al Ngwato, con il nome di Bechuanaland.

penetration-European-Southern-Africa
Penetrazione europea in Africa del Sud 1884-1905 (Fonte: Encyclopaedia Britannica)

L’espansione coloniale britannica fu privatizzata e data in mano alla British South Africa Company, che nel 1890 utilizzò la strada attraverso il Protettorato di Bechuanaland per colonizzare l’area che presto sarebbe stata chiamata Rhodesia (attuale Zimbabwe). Il governo britannico continuò a considerare il Bechuanaland come un espediente temporaneo, fino a quando non poté essere consegnato alla Rhodesia o, dopo il 1910, alla nuova Unione del Sudafrica.

Gli investimenti e lo sviluppo amministrativo all’interno del territorio furono ridotti al minimo. La zona divenne una semplice appendice del Sudafrica, a cui forniva manodopera migrante e la via di transito ferroviario verso la Rhodesia. I tentativi di breve durata di riformare l’amministrazione e di avviare lo sviluppo minerario e agricolo negli anni ’30 furono fortemente contestati dai principali capi della Tswana, con la motivazione che avrebbero solo migliorato il controllo coloniale e gli insediamenti bianchi. Il territorio rimase diviso in otto riserve “tribali” in gran parte autogestite e cinque blocchi agricoli di coloni bianchi, mentre il resto era classificato come terre della Corona (cioè terre statali).

Verso l’Indipendenza

Dalla fine degli anni ’50 divenne chiaro che il Bechuanaland non poteva più essere consegnato al Sudafrica e doveva essere sviluppato e condotto verso l’autosufficienza politica ed economica.

Il leader dell’indipendenza botswaniana fu Seretse Khama, nipote del re Khama III del popolo Bamangwato, uno dei gruppi tribali con maggior peso politico del Paese. Khama completò gli studi di avvocatura in Sudafrica e infine a Londra, dove conobbe e sposò una donna inglese. Il matrimonio misto destò molto scalpore in un Sudafrica, che aveva appena introdotto l’apartheid. I britannici impedirono quindi a Seretse Khama di tornare in Botswana, per soddisfare il governo sudafricano, in un momento in cui le politiche di segregazione razziale si stavano rafforzando.

La-storia-damore-tra-Seretse-Khama-e-Ruth-Williams-8
Ruth Williams e Seretse Khama (Fonte: Dennis Royle/AP via Mic)

 

I sostenitori di Seretse Khama iniziarono ad organizzarsi in movimenti politici a partire dal 1952. Il Partito Popolare del Bechuanaland fu fondato nel 1960, e il Partito Democratico del Bechuanaland (BDP; in seguito noto come Partito Democratico del Botswana) – guidato da Seretse Khama – nel 1962.

Dopo una lunga resistenza da parte dei britannici all’avanzamento costituzionale prima che lo sviluppo economico potesse pagarne i costi, la corona inglese cominciò a spingere per il cambiamento politico nel 1964. A Gaborone fu rapidamente costruita una nuova capitale amministrativa. Il Bechuanaland ottenne l’autogoverno nel 1965, sotto un governo eletto BDP con Seretse Khama primo ministro. Nel 1966 il Paese prese il nome di Repubblica del Botswana, e Seretse Khama fu il primo presidente.

Per i suoi primi cinque anni di indipendenza politica, il Botswana rimase finanziariamente dipendente dalla Gran Bretagna per coprire tutti i costi di amministrazione e sviluppo. La pianificazione e l’esecuzione dello sviluppo economico decollarono nel 1967-71, dopo la scoperta dei diamanti a Orapa. La condizione essenziale per questo era la rinegoziazione dell’unione doganale con il Sudafrica, realizzata nel 1969, in modo che le entrate statali potessero beneficiare di più dagli import/export rispetto alla quota fissata dall’unione doganale.

Il Botswana indipendente

Dal 1969 il Botswana ha iniziato a svolgere un ruolo più significativo nella politica internazionale, proponendosi come alternativa non razziale, liberale e democratica all’apartheid sudafricano.

Nel 1974 il Botswana era, insieme a Zambia e Tanzania e successivamente Mozambico e Angola, uno degli “Stati di frontiera”. L’organizzazione degli Stati di frontiera ha portato nel 1980 alla formazione della Southern African Development Coordination Conference (SADCC). L’idea alla base della SADCC, in gran parte strutturata da Khama, era quella di costruire un futuro migliore per la regione coordinando economie disparate e promuovendo lo sviluppo in ciascuno dei Paesi membri.

Beneficiando di un’economia in rapida espansione negli anni ’70 e ’80, il Botswana è stato in grado di ampliare le infrastrutture di base per lo sviluppo minerario e i servizi di base per lo sviluppo sociale. Furono aperte altre miniere di diamanti, a condizioni di reddito relativamente favorevoli per lo Stato.

Il BDP fu costantemente rieletto con una larga maggioranza, anche se il Botswana National Front (BNF; fondato nel 1965) divenne una minaccia significativa dopo il 1969, quando i conservatori “tribali” si unirono ai socialisti nelle file del BNF attaccando le politiche “borghesi” del governo.

Khama morì nel 1980 e gli successe Quett Masire del BDP, che era stato suo vice dal 1965. Masire si trovò ad affrontare questioni interne tra cui l’alto tasso di disoccupazione e il crescente divario tra ricchi urbani e poveri rurali, così come le preoccupazioni internazionali. Tra il 1984 e il 1990 il Botswana soffrì anche l’eco degli sconvolgimenti in Sudafrica, soprattutto quando le truppe sudafricane fecero irruzione nella capitale Gaborone, uccidendo 15 civili.

Ma una nuova era nelle relazioni sudafricane è sorta dopo l’indipendenza della Namibia nel 1990, e i cambiamenti politici interni in Sudafrica hanno portato nel 1994 all’instaurazione di relazioni diplomatiche complete con il Botswana.

L’espansione economica dei decenni precedenti è rallentata nei primi anni ’90, con una lieve ripresa sul finire del millennio. Tuttavia, vi erano ancora altri problemi che il Paese si trovava ad affrontare. La frustrazione per le condizioni sociali e l’alto tasso di disoccupazione sono le ragioni di fondo che hanno alimentato i disordini più violenti. Più preoccupante è stata l’epidemia di AIDS esplosa nel Paese durante gli anni ’90, che ha lasciato il Botswana con uno dei più alti tassi di infezione al mondo. Il governo ha reagito in modo aggressivo aumentando la consapevolezza sull’HIV/AIDS e coordinando gli sforzi per ridurre l’epidemia. All’inizio del XXI secolo il Botswana è stato il primo Paese africano a fornire gratuitamente farmaci antiretrovirali contro l’HIV a tutti i cittadini.

Il Nuovo Millennio

Masire è andato in pensione nel 1998 ed è stato sostituito dal Festus Mogae del BDP, ex ministro e vicepresidente. Dopo le vittorie del BDP alle elezioni del 1999 e del 2004, Mogae è stato eletto dall’Assemblea Nazionale nel 1999 per un intero mandato come presidente ed è stato rieletto nel 2004.

Mogae si è ritirato nell’aprile 2008 ed è stato sostituito dal vicepresidente Ian Khama, membro del BDP e figlio del primo presidente del Botswana, Seretse Khama. Alle elezioni del 16 ottobre 2009, il BDP ha ottenuto una vittoria decisiva, estendendo la sua maggioranza nell’Assemblea Nazionale e garantendo a Khama un mandato completo come presidente; è stato inaugurato il 20 ottobre.

 

 

12498848125_ffdabe49bb_z.jpg
Ian Khama nel 2014 (Fonte: Foreign & Commonwealth Office via Flickr)

 

 

Il malcontento all’interno del BDP ha portato diversi membri a lasciare il partito per formare il proprio, il Botswana Movement for Democracy (BMD), nel 2010. Diversi partiti di opposizione, tra cui il BMD, si sono riuniti in vista delle elezioni del 2014 per formare l’UDC (Umbrella for Democratic Change).

L’organizzazione dell’opposizione ha rappresentato una sfida senza precedenti per il BDP, ma il partito ha vinto nuovamente alle elezioni del 24 ottobre 2014. Il BDP, che ha ottenuto 37 seggi, ha mantenuto la maggioranza nell’Assemblea nazionale, anche se ha vinto meno seggi rispetto alle urne passate. L’UDC ha conquistato 17 seggi e il Partito del Congresso del Botswana ha ottenuto 3 seggi. Khama è stato rieletto dall’organo legislativo per un altro mandato come presidente. Alla maniera del suo predecessore, Khama si è ritirato dopo essere stato presidente per 10 anni. Si è dimesso il 31 marzo 2018 ed è stato sostituito dal vicepresidente e collega del BDP Mokgweetsi Masisi, il cui governo è stato inaugurato il 1° aprile.

 

 

Fonti e approfondimenti:

  • The Commonwealth. org; Our Member Countries; Botswana, History. http://thecommonwealth.org/our-member-countries/botswana/history
  • The Telegraph, A United Kingdom: the true story of Botswana’first president and the english woman love, Jessamy Calkin, 4 November 2016 https://www.telegraph.co.uk/films/2016/11/04/the-true-story-of-the-first-president-of-botswana-and-the-englis/
  • ThoughtCo.com, Brief History of Botswana, Alistair Boddy Evans, 11 February 2019 https://www.thoughtco.com/brief-history-of-botswana-43607
  • HistoryToday.com, 50 Years of Botswana, Stephen Chan, 2016 https://www.historytoday.com/archive/50-years-botswana
  • A History of Southern Africa, by Neil Parson & Alois S. Mlambo, Palgrave; 1st ed. 2019 edition (16 Oct. 2018)
  • King Khama, Emperor Joe, and the Great White Queen: Victorian Britain through African Eyes; by Neil Parson, Paperback – 3 Feb 1998,

Share this post

Rispondi