La campagna elettorale di Tsai: come vincere grazie ai social

Tsai Ing-wen è stata eletta per il secondo mandato come presidentessa di Taiwan. Nonostante la schiacciante vittoria, ha vissuto un periodo di intensa crisi che ha interessato non solo la sua popolarità personale, ma anche quella del Partito Progressista Democratico (PPD) della quale era leader. Infatti, il suo tasso di gradimento è passato da quasi…

Nicaragua: l’evoluzione del dissenso contro Daniel Ortega

Di Alessandro Leone Lo scorso anno il Nicaragua ha festeggiato i quarant’anni della liberazione dalla dittatura di Anastasio Somoza, l’ultimo di una dinastia che governava il Paese dal 1936. Ma si trattava solo dell’inizio di una guerra civile che entrò nelle dinamiche della Guerra Fredda. La parte vincente, il Frente Sandinista de Liberación Nacional, appoggiato…

La Guinea alle urne: tra passato, paure e speranze

La Guinea (Conakry), piccolo Paese dell’Africa occidentale, è una realtà poco menzionata dalla stampa. Attualmente, per esempio, la comunità internazionale ha gli occhi puntati sul vicino Mali, facendo passare la situazione socio-politica e di sicurezza della Guinea in secondo piano. La natura esplosiva del Paese risiede in una cultura politica caratterizzata dalla violenza e da…

Il lungo cammino verso l’unificazione fra Russia e Bielorussia

Il 7 dicembre scorso centinaia di manifestanti bielorussi si sono riversati nelle piazze di Minsk per opporsi alla possibile unificazione tra Russia e Bielorussia. Le proteste sono avvenute contemporaneamente a un incontro fra i due capi di Stato a Sochi, in occasione delle celebrazioni del ventennio dalla firma del Trattato di creazione dell’unione statale tra…

La Via tra Cina e UE: l’evoluzione degli obiettivi

Nei quasi sette anni dal suo lancio, il progetto geopolitico di Pechino è diventato gradualmente più complesso e dettagliato. I corridoi terrestri e marittimi prendono forma, ma la mancanza di trasparenza e di un piano definito, rendono la BRI agli occhi di molti Paesi un mezzo destinato a realizzare gli interessi nazionali e a espandere…

Le proposte dei candidati Democratici su società ed economia

In questo primo di due articoli andremo a vedere le proposte più importanti dei maggiori candidati alle Primarie Democratiche sui temi sociali ed economici. Il campo vasto, l’ampiezza dello spettro politico coperto dai candidati e i differenti background sociali di questi, hanno portato in dote al campo democratico un’ampia gamma di differenti visioni del mondo…

Escape from Jakarta: perché trasferire la capitale indonesiana?

Lo scorso agosto, il governo indonesiano ha annunciato ufficialmente la sua intenzione di procedere con il progetto di trasferimento della capitale. Da Jakarta, sull’isola di Java, la nuova capitale si sposterà in una zona orientale del Borneo indonesiano, conosciuto come Kalimantan. La costruzione del nuovo centro amministrativo inizierà nel 2021, con l’obiettivo di trasferire i…

Attraverso il biologico: la Commissione AGRI

Pochi giorni fa l’Europa si è resa protagonista dell’attivazione di un programma necessario e voluto da anni: è stato infatti sbloccato il Fondo per una transazione equa, strumento per eccellenza del funzionamento e del finanziamento del contestuale Green Deal europeo.

Ruanda: un Paese di contraddizioni

di Aurora Guainazzi Il Ruanda: un Paese tanto piccolo, eppure così importante. Il Ruanda è tristemente conosciuto a livello internazionale per il genocidio del 1994 che portò al massacro di circa 800-850.000 persone, tra Tutsi e Hutu moderati, che si interruppe a seguito dell’avanzata delle milizie del Rwandan Patriotic Front, guidato tra gli altri da…

La natura come entità politica: il razzismo ambientale

Nell’autunno del 1982, un gruppo di abitanti della contea di Warren, nel North Carolina, protestò per sei settimane contro l’installazione di una discarica di rifiuti tossici. L’intera comunità intentò delle azioni legali affinché i rifiuti di policlorobifenili (PCB), una sostanza cancerogena, non fossero depositati in quel luogo. Due anni più tardi la loro richiesta fu rigettata…

Accolti a braccia conserte: i migranti altamente qualificati in Giappone

Di Veronica Barfucci Fin dall’entrata in vigore della norma sul “Controllo dell’Immigrazione” nel 1952, il Giappone è stato uno dei Paesi maggiormente restii al fenomeno immigratorio. Nonostante un progressivo adeguamento alle convenzioni internazionali, in particolar modo in materia di rifugiati e richiedenti asilo, che hanno determinato importanti emendamenti al quadro giuridico di riferimento, la popolazione…