Intelligenza artificiale, la sfida della paternità delle invenzioni

Il 13 aprile scorso la Corte federale australiana si è espressa su due domande di registrazione di brevetto in cui figurava un sistema di intelligenza artificiale (IA), DABUS, come inventore, respingendo la proposta che ad una IA possano essere riconosciuti i diritti morali su un’invenzione.

Il richiedente, per il quale è ora aperta la possibilità di fare ricorso, è il fisico statunitense Stephen Thaler, creatore dell’algoritmo DABUS nonché CEO e fondatore di Imagitron LLC, società specializzata nell’applicazione dei sistemi neurali digitali al campo dell’apprendimento e della pedagogia.

Thaler ha presentato domande simili – e ha proseguito con istanze legali – in diversi paesi, nel tentativo di veder riconosciuti i diritti dell’IA e, di conseguenza, ottenere la concessione dei corrispondenti brevetti. La sua battaglia è stata accolta in modo variegato da accademici e professionisti del settore, ciò che è chiaro è che l’impatto dello sviluppo dell’IA sul diritto dei brevetti è un tema politico rispetto al quale spetterà al legislatore pronunciarsi.

Cosa dobbiamo sapere

L’intelligenza artificiale consiste nella simulazione dell’intelligenza umana da parte di una macchina e può, senza alcun intervento umano, creare innovazione da sola.

DABUS (acronimo dell’inglese Device for the Autonomous Bootstrapping of Unified Sentience) è un sistema di intelligenza artificiale creato dal dottor Thaler, che secondo quanto riferito, ha concepito due diverse invenzioni senza alcun intervento umano: un contenitore per alimenti basato sulla geometria frattale e un tipo di dispositivo a luce lampeggiante, progettato per attirare l’attenzione durante una situazione di emergenza, che può essere utilizzato nelle missioni di ricerca e soccorso.

Di conseguenza, nel 2018 e nel 2019 lo scienziato statunitense ha presentato domande di registrazione di brevetto parallele in varie giurisdizioni del mondo nominando DABUS come inventore.

L’idea di attribuire l’invenzione a una macchina dotata di intelligenza artificiale non solo ha diviso la comunità internazionale in merito al fatto che a una IA possa essere  riconosciuta la qualifica di inventore, ma ha anche fatto emergere nuove sfide legali a livello globale.

La decisione della Corte federale australiana

La vicenda in Australia si è articolata in diverse fasi. In prima battuta, l’ufficio brevetti australiano aveva rigettato la domanda di Thaler osservando che nel caso in cui inventore e titolare del brevetto non coincidano, è necessario che il titolare ottenga il trasferimento della proprietà dell’invenzione dall’inventore; ma una macchina non può detenere una proprietà e di conseguenza trasferirla. Inoltre, l’ufficio brevetti aveva evidenziato che la legge australiana prevede che l’inventore sia un essere umano.

Thaler ha fatto ricorso innanzi alla Corte federale australiana, che si è espressa inizialmente il 30 luglio 2021 dando ragione al ricorrente. La Corte ha ribaltato la decisione dell’ufficio brevetti sostenendo che la legge australiana non impone che l’inventore detenga la proprietà, né che la trasferisca al titolare, bensì che il titolare della domanda abbia ottenuto la proprietà dell’invenzione in un modo riconosciuto dalla legge. La sentenza stabilisce quindi che Thaler è il proprietario dell’invenzione poiché possiede e controlla DABUS e conclude che un sistema di IA può essere designato come inventore, sebbene non come titolare del brevetto.

Nella sentenza si sottolinea che tale interpretazione si fonda fra l’altro sulla ratio normativa australiana in materia di tutela brevettuale, che è di incentivare l’innovazione. La Corte intende infatti evitare che, negando l’esistenza di un titolare dell’invenzione nel caso di invenzioni realizzate da un sistema di IA, ne risulti un vuoto normativo che causi l’esclusione di tali invenzioni dalla tutela brevettuale in Australia.

L’ultima decisione della Corte federale australiana emessa il 13 aprile 2022 ribalta questa visione e chiarisce invece che la definizione di inventore in Australia corrisponde a quella dell’EPO. La legge australiana domanda al richiedente di fornire il nome dell’inventore della scoperta per garantire che il diritto del richiedente a ottenere un brevetto sia chiaro. Applicando le definizioni dei termini “invenzione” e “inventore” e dopo aver esaminato la giurisprudenza, la Corte ha concluso che il monopolio per la divulgazione dell’invenzione è legato alla persona dell’inventore, per cui è necessario che sia una persona fisica.

Una questione globale 

Tra le altre giurisdizioni in cui sono state depositate le domande di registrazione di brevetto a nome di DABUS, ad oggi il primo e unico Stato a riconoscere il sistema di IA di Thaler come inventore è stato il Sud Africa. Tuttavia, è fondamentale notare che le leggi sui brevetti sudafricani non contengono una definizione di “inventore” e il Paese non ha un sistema di esame sostanziale dei brevetti.

Nel complesso, le domande sono state respinte dai vari uffici brevettuali per carenza dei requisiti formali. Nella domanda di registrazione del brevetto, è richiesto che il nome dell’inventore sia specificato in modo che possa esercitare i propri diritti. Ma le IA, come DABUS non possono esercitare diritti perché non hanno personalità giuridica.

Il Bundespatentgericht (BPatG), il tribunale federale tedesco dei brevetti ha affermato molto chiaramente che secondo la legge vigente solo le persone fisiche possono essere designate come inventori e che l’intelligenza artificiale non può mai essere designata come tale.

L’Ufficio brevetti europeo (EPO), ha rifiutato di concedere lo status di inventore a una macchina dotata di intelligenza artificiale. Ai sensi della EPC (European Patent Convention), infatti, il termine “inventore” si riferisce solo a una persona fisica. L’EPO ha anche affermato che lo status di “inventore” ha determinati diritti  a esso collegati, che richiedono una personalità giuridica per poter essere esercitati e che la macchina, ca va sans dire, non possiede.

L’ufficio per la proprietà intellettuale del Regno Unito (UKIPO) ha basato la sua decisione su un ragionamento simile a quello citato dall’EPO. Qui i giudici hanno stabilito, con una maggioranza di due a uno, che un inventore deve essere una persona umana ai sensi della legge britannica. “Solo una persona può avere diritti”, ha scritto Lady Justice Elisabeth Laing nel suo giudizio, con cui concorda Lord Justice Arnold. Il terzo giudice, Lord Justice Birss, ha avuto un’opinione diversa. Pur pattuendo che le macchine non sono persone, ha concluso che la legge non richiedeva affatto che fosse una persona ad essere nominata come inventore. “Il fatto che nessun inventore, propriamente detto, possa essere identificato significa semplicemente che non c’è nessun nome che l’UKIPO deve menzionare sul brevetto come inventore”, ha scritto.

L’Ufficio brevetti e marchi degli Stati Uniti (USPTO) ha argomentato che una semplice lettura delle disposizioni di legge che regolano i brevetti si riferisce costantemente agli inventori come persone fisiche, termini come “individuo” e “chiunque” sono usati nel contesto dell’invenzione e questo linguaggio implica che gli inventori debbano essere persone fisiche. Inoltre, nel settembre 2021, il giudice distrettuale degli Stati Uniti Leonie Brinkema del distretto orientale della Virginia ha respinto una causa intentata da Thaler, che ha citato in giudizio l’USPTO dopo aver respinto le sue domande di registrazione del brevetto  presentate da DABUS. Facendo eco ai commenti dell’USPTO, il giudice Brinkema ha ribadito che la legge statunitense si riferisce a un inventore come a un individuo e che le macchine o i sistemi di intelligenza artificiale non sono normalmente indicati come tali nel linguaggio ordinario.

Affrontando il futuro delle invenzioni sviluppate IA, il giudice Brinkema ha dichiarato: “Con l’evolversi della tecnologia, potrebbe arrivare il momento in cui l’intelligenza artificiale raggiunge un livello di sofisticazione tale da soddisfare il significato accettato di inventariazione. Ma quel momento non è ancora arrivato”.

A chi va il merito? I diritti della macchina

Anche se sembra essere abbastanza assodato che l’IA non possa essere essa stessa nominata come inventore nell’attuale schema legale della maggior parte degli Stati, la domanda su chi, se qualcuno, può prendersi il merito delle invenzioni dell’IA rimane senza risposta. Nel respingere DABUS come inventore, l’USPTO ha osservato di non aver preso alcuna decisione in merito a chi o cosa ha creato l’invenzione rivendicata nella domanda. Questo sembra lasciare spazio a un individuo di prendersene il merito.

In alcuni casi, l’IA ha presumibilmente generato invenzioni che hanno portato alla registrazione del brevetto, ma è stato lo sviluppatore ad appuntarsi quale unico inventore. La Creativity Machine, che Thaler aveva svelato nel 1994, ha generato nuove idee attraverso l’uso di una rete neurale. Thaler è stato indicato come l’inventore nel successivo brevetto, il cui oggetto, secondo lui, è stato inventato dalla Creativity Machine.

Ironia della sorte, la denuncia di Thaler nel caso pendente presso il tribunale distrettuale avverte che i futuri richiedenti di brevetto potrebbero tentare di aggirare lo standard, indicando in modo impreciso una persona fisica che non soddisfa i criteri di inventore. Thaler ha inoltre asserito che se si fosse dichiarato lui stesso inventore, come fatto in passato, avrebbe già ottenuto la concessione delle due domande, ma questo risultato non sarebbe desiderabile in quanto comporterebbe false dichiarazioni e individui che rivendicano il merito per un lavoro che non hanno svolto.

Negli Stati Uniti il confine nel determinare chi è l’inventore riguarda la concezione dell’invenzione e non vi è alcun requisito che sia l’inventore a ridurre l’invenzione alla pratica fintanto che ciò avviene per suo conto. Pertanto, il tipo di IA può essere determinante per l’inventore

Il rapporto sull’IA del 2020 dell’USPTO rileva che non esiste una definizione universalmente riconosciuta di IA. I sistemi di intelligenza artificiale ristretta attualmente disponibili sono progettati per eseguire compiti ben definiti, in contrasto con l’intelligenza artificiale generale che ha la capacità di apprendere ed eseguire compiti più simili alla mente umana. I sistemi di intelligenza artificiale ristretti richiedono ancora input e formazione. Chi è quindi l’inventore corretto quando è coinvolta l’IA ristretta? È il programmatore di computer, il proprietario dei set di dati che “insegnano” l’IA o il ricercatore che se ne avvale?

Gli uffici brevettuali e i tribunali nel mondo non hanno ancora affrontato la questione.

È chiaro che l’IA si sta evolvendo rapidamente e nei prossimi anni troverà la sua strada in sempre più aspetti della nostra vita. Il dibattito innescato dalle invenzioni sviluppate da DABUS richiederà senza dubbio alla comunità globale della proprietà intellettuale di rivedere e rinnovare le leggi e i regolamenti relativi all’IA e agli inventori nel futuro prossimo.

Diego Black dello studio legale  Withers & Rogers, specializzato in materia di proprietà intellettuale, ha affermato che si è giunti alla decisione prevista. “I diritti su un brevetto normalmente appartengono all’inventore o al suo erede. Tuttavia, se si decidesse di consentire a una macchina di essere nominata come inventore, la proprietà di questi diritti verrebbe messa in discussione”, ha spiegato. “Sembra inevitabile che gli attuali criteri di valutazione dell’invenzione debbano essere rivalutati per tenere conto del ruolo più importante che la macchina svolge nel processo inventivo”, ma un tale cambiamento avrebbe bisogno di attente considerazioni di natura politica.

 

Fonti e approfondimenti

World Economic Forum, White paper, Artificial Intelligence Collides with Patent Law 

Sentenza Thaler v. Iancu, et al., 1:20-cv-00903 D.I. 1 (E.D. Va. Aug. 6, 2020)

Sentenza Thaler v. Comptroller General of Patents Trade Marks And Designs [2021] EWCA Civ 1374 (21 September 2021) http://www.bailii.org/ew/cases/EWCA/Civ/2021/1374.html

S. Krumplitsch, E. Scordino, M. De Lazzari, Can an AI system be named the inventor? In wake of EDVA decision, questions remai, DLA Piper Global Law Firm.

Sentenza In Re Kenneth v. Debaun, 687 F.2d 459, 463, 214 USPQ 933, 936 (CCPA 1982) https://casetext.com/case/in-re-debaun

USPTO, Public Views on Artificial Intelligence and Intellectual Property Policy

 

Editing a cura di Elena Noventa

Be the first to comment on "Intelligenza artificiale, la sfida della paternità delle invenzioni"

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: