Guida ai cambiamenti climatici: le cause principali

Ad oggi, il livello di anidride carbonica (CO2) nell’atmosfera ha superato le 410 parti per milione (ppm), a fronte dei 280 ppm presenti agli albori della rivoluzione industriale, aumentando del 46%. Quando si parla di “parti per milione”, potrebbe non sembrare molto. In realtà, se quei 410 ppm di CO2 venissero spalmati sulla superficie terrestre,…

Guida ai cambiamenti climatici: le istituzioni che regolano l’ambiente

È nel 1988 che, per la prima volta nella storia, viene lanciato pubblicamente l’allarme dei cambiamenti climatici come conseguenza delle attività umane. A fare tale dichiarazione è il climatologo e astrofisico della NASA James Hansen nel Senato degli Stati Uniti. Nello stesso anno, la World Metereological Organization (WMO) e l’UN Environment Programme (UNEP) fondano l’Intergovernmental…

Artico: la pattumiera radioattiva russa

Sebbene ci siano poche industrie nucleari nell’Artico, l’ambiente marino di cui è composto è stato contaminato dai radionuclidi degli scarichi di rifiuti provenienti da impianti che si occupano del combustibile esausto che arriva dall’Europa. Ad essere responsabile dell’inquinamento radioattivo è anche l’incidente accaduto nella centrale nucleare di Chernobyl nel 1986, oltre alle varie operazioni civili e militari condotte…

TTIP: i rischi per la sicurezza alimentare e l’ambiente

Abbiamo già descritto il TTIP in termini economici e politici, ora è il momento di discutere un aspetto non secondario dell’accordo: le sue ricadute in termini di tutela dell’ambiente e della salute. L’effetto principale del TTIP è l’abbattimento delle barriere “non tariffarie” alla circolazione di merci tra Stati Uniti ed Unione Europea, vale a dire…