Sacrificare la libertá in nome della sicurezza: “l’état d’urgence” in Francia

Lo stato d’emergenza vigente in Francia dal novembre scorso avrebbe dovuto essere revocato dopo gli europei di calcio, il Tour de France e la promulgazione di una legge che rafforzava la lotta contro il crimine organizzato, il terrorismo e il loro finanziamento. Tuttavia, in seguito ai fatti di Nizza, il Presidente francese François Hollande ha annunciato una proroga trimestrale dello stato d’emergenza sull’intero territorio francese.
La locuzione “état d’urgence” (stato d’emergenza) indica un regime eccezionale previsto dall’ordinamento francese che conferisce alle autoritá territoriali poteri di polizia consentendo loro di disporre misure restrittive delle libertá quali l’interdizione della circolazione, restrizioni alla libertà di manifestazione, il sequestro di armi, perquisizioni amministrative ( ovvero senza autorizzazione giudiziaria) diurne e notturne, tutte prerogative inerenti all’autoritá giudiziaria. 

Lo stato di emergenza può essere dichiarato in tutto o in parte del territorio metropolitano o nei dipartimenti d’oltremare, in caso di pericolo imminente derivante da gravi violazioni dell’ ordine pubblico.

XVMcbe66cb6-8c7f-11e5-a72d-5a82671dcda4.jpg

In cosa consiste l’ état d’urgence? Il ministro degli interni puó :

● disporre gli arresti domiciliari chiunque attenti con la propria attivitá alla sicurezza e all’ordine pubblico. Si potrá ricorrere al braccialetto elettronico per controllare alcuni sottoposti a misura cautelare, con condanne pregresse ed ormai estinte per atti di terrorismo. Sará peró necessario l’assenso dell’interessato fornito per iscritto.

● è possibile sciogliere con decreto del Consiglio dei ministri le associazioni o i raggruppamenti di fatto che partecipino alla commissione di atti costituenti grave minaccia per l’ordine pubblico o le cui attivitá facilitino o incitino tali atti.

In tutti i dipartimenti i PREFETTI possono :

● restringere la libertá di movimento istituendo zone di protezione o di sicurezza particolari, o vietando la circolazione in certi luoghi (coprifuoco).

●Interdire il soggiorno in alcune parti del territorio a chiunque sia suscettibile di minare l’ordine pubblico.

● requisire beni privati

●interdire alcune riunioni pubbliche o chiudere provvisoriamente alcuni luoghi di aggregazione.

5329837_web-etat-d-urgence-les-moyens

É opportuno differenziare lo stato d’emergenza dallo STATO D’ASSEDIO, un dispositivo legislativo e costituzionale (art 36 Cost francese) che prevede un trasferimento di poteri dalle autoritá civili a quelle militari, la creazione di giurisdizioni militari e l’estensione dei poteri di polizia. Puó essere disposto solo su una parte del territorio, previa deliberazione del consiglio dei ministri e firma presidenziale, in caso di pericolo imminente dovuto ad un’insurrezione armata o una guerra. Applicazioni storiche dello stato d’assedio sono state quella del 1848 per fronteggiare le cosiddette “giornate di giugno”, durante la Comune di Parigi nel 1871, e nel corso della prima e seconda guerra mondiale.

Stato d’emergenza e stato d’assedio non possono essere applicati simultaneamente su uno stesso territorio.

Storicamente votato a far fronte agli avvenimenti legati alla guerra d’Algeria, lo stato d’emergenza viene applicato nove volte tra il 1955 e il 2015.

826236-etat-urgence-01.png

 

 

La prevenzione di attentati terroristici si declina poi in altri diversi dispositivi :

● il piano “vigipirate”operativo da dopo gli attentati del 1995 con un’intensitá variabile.
●l’opération Sentinelle, dispositivo militare di protezione di luoghi sensibili, dopo gli attentati di gennaio 2015 alla sede di Charlie Hebdo e all’ipermercato kosher.
● intensificazione dei controlli alle frontiere
La commissione delle leggi dell’Assemblea Nazionale sottopone ad un controllo permanente la gestione dello stato d’emergenza. Dotata a tal fine di competenze proprie delle commissioni d’inchiesta parlamentari, la commissione delle leggi puó domandare documenti al ministero degli interni al fine di monitorare l’atteggiamento governativo.

 

Approfondimenti

http://www.vie-publique.fr/actualite/faq-citoyens/etat-urgence-regime-exception/

http://www.lemonde.fr/societe/article/2016/07/15/nice-francois-hollande-prolonge-l-etat-d-urgence-et-fait-appel-a-la-reserve-operationnelle_4969646_3224.html

http://www.ilfattoquotidiano.it/2016/07/15/strage-di-nizza-hollande-stato-di-emergenza-prolungato-di-tre-mesi-richiamati-i-riservisti/2906859/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...