Le risorse africane: I diamanti sporchi del Continente nero

L’ Africa vanta la maggiore produzione di diamanti industriali del mondo dal 1870. I maggiori estrattori sono la Repubblica Democratica del Congo (che è il primo produttore mondiale) e il Sudafrica, ma sono presenti miniere di diamanti anche in Angola, in Sierra Leone e in Liberia. Per gli africani, però, le risorse sono la causa di guerre, conflitti e rivolte.

I diamanti la cui estrazione avviene in zone di guerra e che vengono poi venduti in modo clandestino sono chiamati diamanti insanguinati “Blood Diamond”, e vanno a finanziare gruppi insurrezionali o signori della guerra, personaggi che detengono il controllo di un territorio attraverso la costrizione con mezzi militari e che esistono generalmente dove l’apparato politico e di controllo è scarso o assente.

L’africa è un’immensa miniera di diamanti e vi si trovano alcuni dei più grandi centri estrattivi del mondo: come quello di Catoca, in Angola, quello di Venetia, in Sudafrica e quelli Jwaneng e Orapa in Botswana. La classifica può però cambiare abbastanza frequentemente, in quanto la vita di una miniera di diamanti non supera quasi mai i venti anni.

1

Il sistema di commercio dei diamanti funziona in modo particolare, attraverso l’utilizzo di strategie di marketing che permettono di mantenerne sempre alto il prezzo:  dopo l’estrazione del materiale grezzo, questo viene lavorato in stati diversi da quello di provenienza, per poi essere spedito di nuovo verso altri paesi in cui avviene il controllo; a questo punto le grandi compagnie possono iniziare la vendita sul mercato internazionale. I diamanti vengono solitamente incastonati in gioielli, ma la loro importanza  è anche dovuta al loro utilizzo come mezzo di investimento: i diamanti che non vengono utilizzati per la produzione di gioielli vengono infatti definiti diamanti finanziari.

Le compagnie che si occupano della produzione di diamanti commerciali, la De Beers in particolare, hanno delle grandi riserve di diamanti, che vengono messe in vendita solo quando il prezzo del materiale è sufficientemente alto, così da impedire ondate di prezzi a ribasso: solo quando la domanda sale è possibile l’acquisto, appena il mercato è soddisfatto e la domanda scende, le riserve vengono nuovamente bloccate nell’attesa di un nuovo boom di richieste.

La De Beers, fondata nel 1888 e di proprietà della famiglia Oppenheimer, è il più grande gruppo industriale ad occuparsi di estrazione, esportazione e commercio di diamanti; la compagnia opera in numerosi stati, la maggior parte dei quali africani, ed ha potuto vantare di un sistema di monopolio per quasi tutto il ‘900. Solo nel 2000, quando le Nazioni Unite spinsero per l’introduzione di sistemi di regolamentazione sulla provenienza dei diamanti, la società dovette limitare le sue vendite per evitare il rischio di ‘perdere la faccia’ commerciando diamanti sporchi. Finito il periodo di monopolio altre compagnie hanno iniziato ad occuparsi di diamanti, una delle più importanti è la Lazar Kaplan.

2012_1204_miners_diamonds

LE GUERRE DEI DIAMANTI

Il problema del traffico di diamanti è divenuto oggetto di discussione internazionale negli anni ’90, quando in Africa le guerre civili erano numerose.

ANGOLA

Le Nazioni Unite si sono operate nel 1998 per introdurre delle sanzioni all’Angola, a seguito delle produzione di varie risoluzioni del Consiglio di Sicurezza volte a migliorare la situazione nel paese, che hanno posto un embargo su tutti i diamanti provenienti dai territori dello stato. In particolare l’attenzione delle Nazioni Unite era rivolta verso UNITA, l’Unione Nazionale per l’Indipendenza Totale dell’Angola. Fondata nel 1966, aveva combattuto contro la dominazione portoghese in Angola insieme ad altri gruppi indipendentisti, come il MPLA, il Movimento Popolare per la Liberazione dell’Angola. L’obiettivo dell’indipendenza fu raggiunto nel 1975, ma questo non eliminò le tensioni interne al paese che si tramutarono in guerra civile. I due gruppi che avevano combattuto insieme per l’indipendenza, ora erano nemici: il leader del MPLA, Agostinho Neto, era diventato il primo presidente dell’Angola libero, e appoggiato e armato dall’Unione Sovietica e da Cuba, il gruppo era riuscito a sconfiggere UNITA. Questa però, grazie all’aiuto del Sudafrica, e il successivo appoggio americano si era ripresa ed aveva costituito un nuovo governo a Huambo.

La guerra andò avanti per molti anni, con poche tregue, finché nel 1994, il Protocollo di Lusaka, firmato in Zambia il 31 ottobre, tra il governo MPLA e UNITA, impose il cessate il fuoco e la smobilitazione delle due forze. In realtà il protocollo non fu sufficiente a fermare il conflitto: UNITA continuava a rifornirsi di armamenti acquistandoli all’estero o attraverso il commercio illegale, come fu dimostrato dalla Terza Missione di Verifica delle Nazioni Unite in Angola. Il governo definì la firma dell’accordo “un errore” e le violazioni dei diritti umani continuarono ancora; per questo nel 1998, quando le ostilità erano di nuovo accese, il problema angolano venne affrontato con insistenza dalle Nazioni Unite.

12a7642ce2d8576b4967858c2fb0171d

UNITA era in grado di rifornirsi di armi contando soprattutto sul commercio illegale di diamanti, e si provvide con il già citato embargo sul commerci di essi, ma nemmeno questo fu sufficiente, visto che il Flower Report, denunciò che svariati stati occidentali e africani, UNITA e il governo angolano, stavano violando il Protocollo di Lusaka. Alla fine il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite attraverso la risoluzione 1237 diede il compito allo stesso Flower di investigare su rapporto tra UNITA e il commercio illegale di diamanti: ne risultò che, attraverso soggetti che facevano da tramite, il gruppo insurrezionale aveva contatti con i governi di altri stati africani come lo Zaire, e la De Beers, la quale aveva ottenuto nel 1991 un permesso per occuparsi dell’esportazione dei diamanti angolani, che in cambio di diamanti rifornivano UNITA dei denaro e armi provenienti dall’Europa. Il conflitto si concluse nel 2002, quando, dopo la morte del leader Jonas Savimbi (ucciso dalle forze governative) UNITA venne trasformata in un gruppo politico pacifico.

SIERRA LEONE

Lo stesso problema, è stato riscontrato in Sierra Leone durante la guerra civile protrattasi tra il 1991 e il 2002, come mostra il film Blood Diamonds, e le dinamiche riguardanti lo scambio illegale di diamanti risultano estremamente simili a quelle di UNITA.
Anche in questo caso, dopo l’indipendenza del paese dall’Inghilterra, il nuovo apparato politico si dimostrò estremamente debole e incapace di fornire gli elementi necessari all benessere e alla crescita economica e sociale della popolazione, cosicché, quando nel 1991, la guerra civile esplose, molti giovani insoddisfatti avevano già trovato comprensione nel RUF, il Fronte Rivoluzionario Unito. Nel caso della Sierra Leone l’estrazione e il traffico illegale di diamanti possono essere facilmente descritti come causa, incentivo e fattore prolungante della guerra civile. La presenza di una risorsa così di valore venne colta dalle classi dirigenti come un metodo di arricchimento personale, prima attraverso la joint venture tra la Corporazione Nazionale delle MIniere di Diamanti e, di nuovo, la De Beers, poi, con la compravendita privata di diamanti insanguinati. Ma soprattutto i diamanti furono la maggiore fonte di sostentamento dei gruppo RUF: la grande disponibilità di miniere alluvionali nel paese permise ai ribelli di utilizzare gli uomini forti scelti tra la popolazione civile come minatori, dopo aver sterminato i loro villaggi, per recuperare diamanti e farli arrivare attraverso dei tramiti ai grandi gruppi di vendita dei paesi occidentali, esportandoli tramite le vicine Guinea o Liberia, essendo stata vietata l’esportazione di diamanti provenienti dalla Sierra Leone.

20010606-voeten-mw05-020-910

Si è riscontrato che l’utilizzo dell’embargo e degli stretti controlli, soprattutto aerei, per impedire lo scambio illecito ha in parte funzionato, avendo permesso al Sierra Leone di aumentare i proventi statali del commercio di diamanti. In concomitanza con esso è però continuato un commercio illecito facilitato dall’impossibilità, spesso riscontrata, di definire in modo appropriato la provenienza del minerale grezzo.

LIBERIA

La Liberia è stata scossa da due guerre civili, la prima tra il 1989 e il 1997 e la seconda, subito dopo, tra il 1999 e il 2003. Le due fazioni interessate erano quelle dell’ex ministro Charles Taylor, tornato dalla Costa d’Avorio per rovesciare il governo Samuel Doe, insediatosi anch’esso a seguito di un colpo di stato. Entrambe le parti in lotta sapevano che l’unico modo per riuscire ad avere le risorse necessarie ad acquisire il potere era la conquista dei territori diamantiferi. In particolare dopo la cattura e l’uccisione di Doe da parte di Prince Johnson, un ex soldato collaboratore di Taylor, i sui seguaci formarono l’ULIMO, Movimento di Liberazione della Liberia per la Democrazia che riuscì a conquistare le zone di Lofa e Bomi, ricche di giacimenti di diamanti.

La situazione sembrò distendersi nel 1997, quando si tennero le elezioni e Taylor fu eletto presidente in modo legittimo; subito dopo il suo insediamento gli furono però rivolte pesanti accuse: era venuto alla luce che egli aveva aiutato il RUF in Sierra Leone e in particolare il suo illecito commercio di diamanti (mentre il governo legittimo del Sierra Leone era aiutato militarmente dall’ULIMO) e che anche lui fosse immischiato in tale traffico per il finanziamento dei propri gruppi militari così come per il suo arricchimento personale. Per questo gli scontri non si placarono e l’erede dell’ULIMO, il LURD riprese a combattere, sapendo che il governo Taylor sarebbe stato destabilizzato con la conquista del controllo delle miniere di diamanti: fu l’inizio della seconda guerra civile che si concluse sono quando, nel 2003, le Nazioni Unite intervennero per fermare il sanguinoso assedio operato a Monrovia da parte dei ribelli.

blood-diamonds-angola

LE RISOLUZIONI

Nel bel mezzo del periodo delle guerre civili africane, come strumento  utile a determinarne la fine, strangolando le fonti di rifornimento dei gruppi ribelli, nel 2000 fu promosso il Kimberley Process (KPCS): un accordo per la certificazione dei diamanti che permette di conoscerne la provenienza evitando il commercio dei cosiddetti diamanti insanguinati. L’accordo è stato raggiunto grazie alla collaborazione di governi e multinazionali. Questo fu accompagnato dalla creazione del Consiglio Mondiale dei Diamanti, con sede ad Anversa e anch’esso in linea con gli obiettivi della conferenza di Kimberley.

Con la firma di un accordo a Interlaken e l’introduzione di un sistema condiviso di controllo e certificazione della provenienza dei diamanti grezzi che prevede l’impossibilità di esportazione di diamanti il cui acquisto può aver finanziato gruppi contrari ai governi riconosciuti dalle Nazioni Unite,  la certificazione di provenienza di ogni diamante e il divieto di importazione da o di esportazione verso un paese che non prende parte al processo Kimberley, furono raggiunti gli obiettivi fissati dalle Nazioni Unite. Sono denominati “conflict-free” i diamanti che seguono tale regolamentazione.

L’attività del Kimberley Process è iniziata già nel 2004 quando la Repubblica Democratica del Congo è stata sanzionata con la risoluzione 1533 del Consiglio di Sicurezza, la quale riporta che, vista la situazione poco stabile della Repubblica e preso atto della presenza di gruppi insurrezionali in alcune zone del paese, le Nazioni Unite si adopereranno per provvedere all’effettiva attuazione dell’embargo posto l’anno precedente sulle merci di dubbia provenienza.

diamondmap1

LA MALEDIZIONE DELLE RISORSE

Il filosofo politico Leif Wenar, nel suo libro Blood Oil, descrive un fenomeno che chiama “maledizione delle risorse”, sostenendo che nei paesi in cui la presenza di risorse naturali è alta lo è anche la possibilità che si scateni un conflitto. E’ esattamente ciò che avviene nel continente africano: molto spesso, dietro quelle che vengono definite guerre etniche o religiose o guerre per il potere, ci sono interessi particolari, economici e di sfruttamento del territorio che si insinuano tra le cause dei conflitti, ne influenzano l’intensità e la durata e ne impediscono la conclusione finché le varie fasi di estrazione, lavorazione e commercio della risorsa contesa non vengono regolate da specifici sitemi, nazionali e internazionali, coadiuvati da apparati di controllo. E anche questo, a volte, non è sufficiente.

Fonti e Approfondimenti

https://www.kimberleyprocess.com/en

http://www.un.org/en/ga/62/plenary/diamonds/bkg.shtml

https://www.globalpolicy.org/the-dark-side-of-natural-resources-st/diamonds-in-conflict/un-documents.html

http://www.corriere.it/speciali/diamanti/alberizzi.html

http://www.ilsole24ore.com/art/cultura/2016-11-18/la-maledizione-risorse-164440.shtml?uuid=AD7GxSwB&refresh_ce=1

http://www.crisis.acleddata.com/resource-related-conflict-in-africa/

3 commenti Aggiungi il tuo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...