Quei crimini che offendono l’intera umanitá

Se é vero che certi crimini ricevono la condanna pressoché unanime della comunitá internazionale, piú controverso puó essere il loro inquadramento giuridico.
Cerchiamo di capire cosa si intenda per “crimine contro l’umanitá” e le principali critiche giuridiche di cui è bersaglio.

La locuzione “crimini contro l’umanitá” designa azioni criminose che suscitano una generale repulsione morale, e per la loro gravitá ed efferatezza sono percepite come perpetrate in danno all’intera umanitá.
Rientrano nel novero dei reati perseguibili sotto la fattispecie in questione, il genocidio, la pulizia etnica, lo sterminio di massa, il democidio, la deportazione, la sparizione forzata, la tortura e talvolta anche i crimini di guerra, lo schiavismo o la distruzione di opere d’arte di grande valore.

365012_img650x420_img650x420_crop1

Tali crimini sono sempre stati una triste costante storica, ma iniziano ad essere perseguiti e sanzionati a partire dal XX secolo.
A sedere sul banco degli imputati sulla base di queste accuse sono solitamente dittatori e capi di Stato, o piú in generale personalitá detentrici del potere politico. Gran parte delle accuse di crimini contro l’umanitá sono state formulate in sede di giudizio storico, come il caso di Stalin e Mao Zedong, contro i quali non é mai stato intentato alcun processo.
Celebri sono invece il processo contro i gerarchi nazisti, quello contro l’ex presidente jugoslavo Slobodan Milosevic, e quello che ha visto imputato Saddam Hussein.

MILOSEVI.NLD.010702.07

L’espressione viene utilizzata per la prima volta nel 1915, quando una joint declaration di Francia, Gran Bretagna e Russia condanna il genocidio armeno, definendo i misfatti turchi “reati commessi contro l’umanitá e la civiltá”. Il pesante bilancio della seconda guerra mondiale, poi, scuote la coscienza internazionale in direzione del riconoscimento di un diritto universale, inerente alla natura stessa dell’essere umano, un corpus normativo universalmente valido ed applicabile che trascende le specificitá valoriali e culturali dei diversi paesi.

L’espressione “crimini contro l’umanitá” si ripropone nel 1945 quando l’Accordo di Londra, istitutivo del tribunale di Norimberga, li enumera tra i reati contestabili ai criminali nazisti, per poi figurare anche nella Carta di Tokyo.
Un ulteriore passo in avanti verso la codificazione del reato sará la “Convenzione per la prevenzione e punizione del crimine di genocidio”, siglata all’ONU nel 1948 con la risoluzione 260/ 1948, che fornisce una prima definizione normativa di genocidio, poi recepita dallo Statuto del Tribunale per l’ ex-Jugoslavia e da quello per il Ruanda, negli anni novanta del XX secolo.

norimberga-cop1

Infine, nel 1998, l’art 5 dello Statuto di Roma, istitutivo della Corte penale internazionale, ascrive i crimini contro l’umanitá alla competenza giurisdizionale della Corte, facendone uno dei reati perseguibili dalla stessa, insieme ai crimini di guerra e a quelli di aggressione. Per disposizione statutaria, peró, quella della Corte non è giurisdizione ordinaria, ma si affianca ad essa. Questo ha portato taluni ad eccepire il rischio di pregiudicare una garanzia procedurale vigente presso la maggioranza degli ordinamenti e per la quale il reo non può essere giudicato due volte per lo stesso delitto.

the-international-_2166929b-1-450x270

La nozione giuridica é oggi considerata parte integrante del diritto internazionale penale, ma poiché manca in materia una codificazione chiara, il concetto non é unanimamente accolto da tutte le giurisdizioni nazionali.

Tra i punti maggiormente controversi é stata sollevata la questione circa la possibilitá per l’intero genere umano di configurarsi come soggetto passivo di reato (vittima) e di chi avrebbe titolo a costituirsi in giudizio in nome dell’umanitá.
C’é inoltre chi sostiene che la mancanza di unanimitá internazionale si presterebbe ad una piú facile politicizzazione di una questione che é essenzialmente etica. I non pochi contrari al concetto eccepiscono che la diversitá di orizzonti morali e valoriali potrebbe favorire l’opportunismo politico in sede giudiziale, poiché la diversitá di vedute morali dei diversi paesi non permetterebbe alla fattispecie di assumere quel grado di universalitá necessario ad un’applicazione uniforme.

crimes-against-humanity1

LE CRITICHE TEDESCHE
Tra i paesi piú critici figura al primo posto la Germania, la quale ha sempre dimostrato una scarsa disposizione ad accogliere la figura dogmatica dei crimini contro l’umanità. Numerose sono state le riserve espresse in merito sia dalla dottrina che dalla giurisprudenza, che mettono in dubbio non solo la definizione giuridica del crimine contro l’umanitá, ma l’esistenza stessa della fattispecie normativa in quanto tale. Le argomentazioni avanzate sostengono che i crimini in questione non farebbero parte del diritto internazionale penale, in quanto non si sarebbe affermata una consuetudine consolidata (prassi e opinio iuris). Inoltre si nega la necessità stessa della nozione, soprattutto se definita in termini vaghi e imprecisi, dal momento che é riconducibile ad altre categorie giuridiche consolidate quali i crimini di guerra ai sensi delle convenzioni di Ginevra e il genocidio.

german2bcourt

Indicativa dell’impostazione giurisprudenziale del paese è anche la riserva apposta dalla Germania in sede di ratifica della CEDU all’articolo 7 comma 2 della Convenzione. L’articolo, dopo aver sancito il principio nulla poena sine lege al comma precedente, fa salva la possibilitá di perseguire chi si sia reso colpevole di fatti che costituiscono “crimine secondo i principi generali riconosciuti dalla comunitá internazionale”, sancendo dunque l’applicabilitá del diritto internazionale penale. La Germania nell’apporre la riserva invoca l’art 103 comma 2 della Legge Fondamentale (il testo costituzionale tedesco) il quale contempla una rigida versione del principio nullum crimen, nulla poena sine lege, che ha costituito il fulcro della difesa dei criminali di guerra durante il processo di Norimberga.

Approfondimenti :

http://www.internationalcrimesdatabase.org/Crimes/CrimesAgainstHumanity

http://www.studiperlapace.it/view_news_html?news_id=palma

https://www.icc-cpi.int/about?ln=fr

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...