Lo Spazio: il nuovo terreno di scontro delle superpotenze

Nel defense bill di quest’anno, la Commissione sui Servizi Armati ha proposto un aumento di 30 milioni di dollari al budget per il 2018 dell’Agenzia di Difesa Missilistica USA. Il fine di questa misura è lo sviluppo di intercettori antibalistici da porre in orbita con l’obiettivo di neutralizzare eventuali attacchi nucleari. Trent Franks, membro della Camera dei rappresentanti e repubblicano, sulla questione  ha dichiarato:  «la minaccia posta dalle armi più pericolose al mondo non è mai stata così grande […] è giunto il momento di costruire un sistema antimissilistico spaziale che possa colmare i varchi e gli spiragli nella nostra architettura difensiva». La minaccia a cui si riferisce Franks è intuibilmente quella posta dalla Corea del Nord.

Il test balistico effettuato da Pyongyang agli inizi di luglio ha allarmato più del solito gli analisti di Washington (qui maggiori informazioni). Il missile intercontinentale ha infatti percorso una distanza di 933 km raggiungendo le acque circostanti l’arcipelago giapponese. La Corea del Sud ha dichiarato che il missile lanciato è  molto più avanzato rispetto a quelli precedenti, mentre il suo angolo di traiettoria suggerirebbe una gittata ancora maggiore. Alcuni esperti statunitensi temono addirittura che i progressi tecnologici della Corea del Nord consentano ormai al regime di estendere il proprio raggio di fuoco all’Alaska, territorio USA.  I passi avanti fatti da Pyongyang hanno posto i decisionmakers americani di fronte ad una nuova sfida, con lo spazio che sembra assumere sempre più rilievo nei piani strategici di Washington.

C_zu-zRU0AAuYC4

La prima volta che si è parlato di sistemi difensivi orbitali fu nel 1983, quando il Presidente degli Stati Uniti Ronald Reagan annunciò la Startegic Defense Initiative Organization (SDIO), ossia il piano di mettere in orbita delle piattaforme antmissile per diminuire il potenziale balistico dell’Unione Sovietica. Più di recente, nel 2015, gli USA hanno creato un centro operativo (Space-War Center) con lo scopo di difendere le infrastrutture satellitari USA da eventuali attacchi russi o cinesi. La funzione del centro è quella di ricevere i dati prodotti dai diversi satelliti. «La cruda realtà con la quale dobbiamo fare i conti è che se un avversario dovesse riuscire a sottrarci il dominio dello spazio, la capacità di usare le nostre forze attraverso distanze transoceaniche e di sconfiggere i nemici […] verrebbe indebolita in maniera critica» ha detto Robert Work, ex Vicesegretario alla Difesa, parlando dello Space-War Center.

La nuova proposta di Trent Franks suggerisce la costruzione di un sistema antibalistico satellitare a complemento delle difese terrestri degli Stati Uniti e che possa essere stazionato sopra la Corea del Nord. Nonostante l’immagine di forze antimissilistiche spaziali sia allettante, secondo gli esperti il progetto è ancora infattibile. Posizionare un satellite in modo permanente sulla penisola coreana significherebbe sincronizzare la sua orbita con il moto di rotazione terrestre; un risultato raggiungibile solo collocando il sistema a ben 22.000 miglia dal suolo (35 mila km circa). Tale distanza impedirebbe una reazione tempestiva ad un attacco di Pyongyang. Per intercettare i missili nemici, il satellite di difesa dovrebbe essere posto molto più in basso, ma in questo caso l’intercettore si troverebbe sulla Corea del Nord solo per brevi periodi in quanto non sincronizzato con il moto della Terra. Secondo Jeffry Lewis, professore al Middlebury Institute of International Studies, «costruire un sistema di intercettori spaziale significherebbe creare una difesa globale» e non focalizzata quindi solo su una regione. Anche in questo caso, per renderla efficiente, sarebbe necessario un grande numero di satelliti con dei costi a dir poco stellari. Oltre agli ostacoli tecnici, ci sono anche altri fattori da dover tenere in considerazione. Lo sviluppo di una tale infrastruttura potrebbe rendere Cina e Russia ancora più insicuri rispetto al loro deterrente nucleare, potendo innescare quindi una nuova corsa agli armamenti.

La possibilità di costruire delle difese antibalistiche orbitali rimane irrealistica, ma lo spazio sembra ormai essere un nuovo campo di battaglia. Nel maggio del 2013, secondo gli esperti, la Cina ha testato un razzo progettato per attaccare satelliti nemici ad alta orbita. Nel 2007 la Repubblica Popolare Cinese aveva già sperimentato un’ arma simile abbattendo uno dei propri satelliti. In risposta ai progressi di Pechino, gli USA stanno sviluppando un drone spaziale (l’X-37B),  per forma e caratterisitiche simile ad uno Space Shuttle, utilizzabile per attività di spionaggio.

drone
Drone spaziale X-37B

Nella guerra moderna la capacità di raccogliere informazioni d’intelligence su spostamenti e attività militari nemiche tramite satelliti ha acquisito un ruolo vitale, e la possibilità per Cina e Russia di sfidare la supremazia USA nello spazio, significa anche poter tener testa agli Stati Uniti sul campo di battaglia.

La proposta di una difesa antibalistica spaziale non è l’unica ad essere stata messa sul tavolo. Alcuni membri del Congresso guidati da Mike Rogers,  rappresentante per l’Alabama, hanno inserito nella defense bill la creazione di una forza spaziale (Space Corps)  semi indipendente dalla Air Force. La creazione dello Space Corps ha trovato tuttavia l’opposizione del Senato e di James Mattis, il Segretario per la Difesa, il quale riferendosi alla proposta di Rogers l’ha definita «un approccio riduttivo rispetto a quello integrato in via di costruzione». Non sono mancate proposte alternative, come quella di creare una forza simile alla Guardia Costiera con prerogative sia in campo civile, sia in campo militare nel caso in cui la situazione lo richieda. Ma la linea di Washington rimane quella di mantenere le operazioni spaziali nelle competenze dell’Air Force,  dedicandovi tuttavia una quantità maggiore di risorse.

cina
Lancio di una missione spaziale cinese

Anche se con tutta probabilità queste proposte visionarie siano destinate a fallire, i decisionmakers americani stanno prestando sempre più attenzione alle attività militari in orbita. Il Pentagono ormai considera lo spazio come un teatro di guerra e non più solo come dominio di supporto.  Il comandante in capo dell’Air Force Space Command, in base a quanto stabilito  dallo Strategic Command, sarà presto un generale a 4 stelle invece che tre. Nuove armi come il drone X-37B sono in via di sviluppo, e la decisione di non istituire un corpo spaziale indipendente potrebbe rivelarsi vantaggiosa in termini di coordinamento e integrazione. A terra, mare e aria si è aggiunto ormai un nuovo campo di battaglia: lo spazio sarà il terreno di scontro delle superpotenze.

Fonti e approfondimenti

http://www.defenseone.com/threats/2017/07/spooked-north-korea-lawmakers-resurrect-old-missile-defense-idea/139267/?oref=d-river

http://www.bbc.com/news/av/world-asia-40498672/north-korea-missile-could-reach-alaska

http://www.cnbc.com/2017/04/20/as-fear-of-a-space-war-mounts-us-air-force-taps-start-up-technology.html

http://www.defenseone.com/politics/2017/04/air-force-reorganizing-fight-space/136733/

http://uk.businessinsider.com/north-korea-claims-it-has-successfully-tested-its-first-ever-icbm-2017-7

http://www.defenseone.com/business/2015/06/pentagon-preparing-war-space-russia-china/116101/

http://www.drone spaziale (l’X-37Bdefenseone.com/technology/2017/07/us-isnt-going-launch-military-space-corps-now/139411/?oref=d-river

http://www.vandenberg.af.mil/News/Article-Display/Article/1217866/air-force-stands-up-new-headquarters-space-directorate/

http://www.defenseone.com/ideas/2017/07/we-need-focus-space-we-dont-need-space-corps/139360/?oref=d-river

https://qz.com/978496/the-us-air-force-wants-to-remind-you-and-china-that-the-x-37b-its-secret-space-drone-is-back/

https://qz.com/189666/chinas-secret-anti-satellite-weapons-should-be-on-everyones-radar/

http://nationalinterest.org/feature/space-wars-why-the-air-force-navy-will-fight-control-the-21504

https://qz.com/944145/reusable-rockets-could-disrupt-the-space-industry-and-not-always-in-a-good-way/

http://www.defenseone.com/ideas/2017/07/let-us-air-force-mature-space-force/139622/?oref=d-river

http://www.defenseone.com/politics/2017/06/us-lawmakers-call-space-force-boost-military-drills-europe/139111/

http://www.af.mil/News/Article-Display/Article/719941/hyten-announces-space-enterprise-vision/

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...