La storia dimenticata del Timor Est

Quando parliamo di indipendenza ed autodeterminazione dei popoli, raramente ci viene in mente il XXI secolo. Eppure esiste uno Stato che ha raggiunto la piena indipendenza nel 2002, ovvero 15 anni fa. Stiamo parlando del Timor Est, uno degli Stati più “giovani” del Mondo (con Montenegro, Kosovo e Sudan del Sud). Pochi conoscono la travagliata storia di questa porzione di isola dell’arcipelago indonesiano, una lotta quella del popolo timorese segnata dallo scontro per l’indipendenza proprio contro l’Indonesia.

2000px-locationeasttimor-svg

Dal XVI secolo in poi, Timor Est è stata una colonia portoghese conosciuto come Timor portoghese. Il Portogallo ha in gran parte trascurato la colonia, utilizzandola principalmente come luogo di esilio per prigionieri politici e criminali. La colonia è stata dichiarata un ‘Provincia d’oltremare’ della Repubblica portoghese nel 1955. Durante questo periodo, l’Indonesia non ha mai espresso alcun interesse riguardo il Timor portoghese, nonostante la retorica anti-coloniale del Presidente Sukarno.

Dopo la caduta del regime fascista portoghese nel 1974, l’indipendenza del Timor fu incoraggiata dal nuovo governo portoghese democratico.  Uno dei primi atti del nuovo governo di Lisbona fu quello di nominare un nuovo governatore per la colonia. Uno dei suoi primi decreti  fu quello di legalizzare i partiti politici in preparazione per le elezioni dell’Assemblea Costituente nel 1976. Tre principali partiti politici sono stati formati: L’União Democrática Timorense (Unione Democratica di Timor o UDT), sostenuto dalle elite tradizionali portoghesi, che non volevano la piena indipendenza, l’Associação Sociale Democrática Timor (Timor socialdemocratico Associazione o Fretilin) sostenitore del movimento verso l’indipendenza, e l’Associação Popolare Democratica di Timor (Associazione Democratica di Timor popolare o Apodeti).

Gli sviluppi in Timor portoghese durante il 1974 e il 1975 sono stati seguiti con interesse dall’Indonesia. Il regime di Suharto, che aveva spietatamente soppresso il partito comunista PKI in Indonesia nel 1965, era allarmato da Fretilin, visto come sempre più di sinistra, fonte di ispirazione per l’indipendenza di province della Repubblica. Suharto dichiarò che un Timor indipendente sarebbe ‘uno Stato impraticabile’, e una potenziale minaccia per la stabilità della regione. Nelle elezioni locali del 13 marzo 1975, il Fretilin e l’UDT emersero come partiti più votati, dopo aver precedentemente formato un’alleanza per fare una campagna per l’indipendenza. Dal 1975, il Portogallo ha iniziato a disinteressarsi della colonia asiatica essendo coinvolto in disordini civili e crisi politiche interne. Inoltre il ritiro dalle colonie africane dell’Angola e del Mozambico ebbe la massima priorità su qualsiasi altra politica estera. Molti leader locali hanno visto l’indipendenza come qualcosa di irrealistico, ed erano aperti a discussioni con Jakarta per l’incorporazione del Timor nello Stato indonesiano.

2000px-flag_of_fretilin_east_timor-svg
La bandiera dei Fretilin

L’11 agosto 1975, l’UDT tentò il colpo di Stato, nel tentativo di fermare la crescente popolarità del Fretilin, senza successo. Fretelin era talmente forte che il 28 novembre del 1975 fece  una dichiarazione unilaterale di indipendenza, autodefinendosi  Repubblica Democratica di Timor Est. Questa dichiarazione non fu riconosciuta da Portogallo, Indonesia e Australia. Il 7 dicembre le forze indonesiane lanciarono una massiccia invasione militare, con il supporto degli Stati Uniti. Durante l’invasione, i soldati indonesiani si resero protagonisti di uccisioni di massa e stupri: 60.000 timoresi persero la vita. Un governo provvisorio fantoccio fu installato a metà dicembre, composto da leader Apodeti e UDT. Il 17 luglio, il Timor Est divenne ufficialmente provincia della Repubblica di Indonesia.

east-timor-independence-celebration-prior-to-indonesian-invasion-timor-leste-1975
Soldati indonesiani festeggiano l’annessione del Timor Est

L’occupazione di Timor Est è rimasta una questione pubblica in molte nazioni, in particolare in Portogallo, e le Nazioni Unite non riconobbero né il regime installato dagli indonesiani nè la successiva annessione. Diversi gruppi timoresi hanno combattuto una guerra di resistenza contro le forze indonesiane per l’indipendenza di Timor Est, durante il quale sono state riportate molte atrocità e violazioni dei diritti umani da parte dell’esercito indonesiano. Un triste momento è stata l’uccisione di molti giovani di Timor Orientale in un cimitero a Dili il 12 novembre 1991.

east_timor_demo

Il massacro ha avuto un profondo effetto sull’opinione pubblica in Portogallo. Il Portogallo ha iniziato a fare pressione alla comunità internazionale senza successo, sollevando costantemente la questione con i membri dell’Unione Europea nei loro rapporti con l’Indonesia. Nel 1999, dopo la fine del regime di Suharto, il governo indonesiano ha deciso, sotto forte pressione internazionale, di tenere un referendum sul futuro di Timor Est. Il Portogallo aveva iniziato a guadagnare alcuni alleati politici in primo luogo in Europa per fare pressione all’Indonesia. Il referendum, tenutosi il 30 agosto, ha riportato una netta maggioranza (78,5%) a favore dell’indipendenza, respingendo l’offerta alternativa di essere una provincia autonoma in Indonesia.

aaeaaqaaaaaaaakhaaaajdcxyji3ngm5lwu0nmytndblnc04mzi3ltewnjy3mjgyzje4mg

Le Nazioni Unite hanno partecipato alla transizione verso l’indipendenza, grazie all’Amministrazione Transitoria delle Nazioni Unite per Timor Est (UNTAET), commisione costituita il 25 ottobre 1999 e conclusasi nel 2001. La missione dei Caschi Blu in Timor Est ha però ricevuto pesanti accuse di stupri e di abusi sessuali da parte dei militari. Visto che l’Onu non è autorizzato a perseguire i colpevoli, il segretario generale Ban ki-Moon ha chiesto che i governi consentano che i Caschi blu accusati di abusi vengano sottoposti a giudizio. Ovviamente quasi nessuno lo ha fatto e il ciclo di violenze e impunità continua come prima.
Le elezioni dell’Assemblea Costituente si sono svolte alla fine del 2001 per redigere la costituzione, un compito terminato nel febbraio 2002. Il Timor Est è diventata formalmente indipendente il 20 maggio 2002.

Interfet
Gli uomini dell’ UNTAET

Il Timor Est è quindi una Repubblica Democratica rappresentativa semi-presidenziale,  in cui il Primo Ministro  è il capo del Governo e il Presidente esercita le funzioni di capo di Stato. La politica ha il suo svolgimento in un sistema multi-partitico. Il potere esecutivo è esercitato dal Presidente e il Governo. Il potere legislativo spetta sia al Governo che al Parlamento Nazionale. La Magistratura è indipendente dal potere esecutivo e legislativo. La costituzione di Timor Est è stata modellata su quella del Portogallo, anche se il Presidente è meno potente del suo omologo portoghese. Il Paese è ancora in fase di costruzione della sua amministrazione e delle istituzioni governative. Il Parlamento Nazionale (Parlamento Nacional) ha un numero di posti che oscilla tra 52 e 65 membri , eletti con il sistema proporzionale.

east_timor_parliament-davidrobie
Il Parlamento Nazionale del Timor Est a Dili

Da quando è diventata una nazione indipendente, il Timor Est ha compiuto sforzi per stimolare la crescita economica e gli investimenti esteri. Il settore petrolifero è destinatario della maggior parte dell’attività economica, e la dipendenza da questo settore è enorme. Il Timor Est ha una lunga storia di corruzione e pratiche sleali di governo, e questi problemi persistono ancora oggi. I regolamenti commerciali ostacolano l’attività imprenditoriale. La liberalizzazione economica è per lo più in fase di stallo, e l’economia dipende fortemente dagli aiuti stranieri. Il petrolio e gas  rappresentano oltre il 95% delle entrate pubbliche e dei profitti. La maggior parte entrate del governo deriva da progetti petroliferi offshore nel Mare di Timor. La spesa pubblica nell’ambito del piano di sviluppo strategico ha aumentato le spese di oltre il 100% della produzione nazionale totale. Il saldo di bilancio ha un notevole surplus a causa di trivellazione petrolifera in mare aperto. Gli investitori stranieri non possono possedere la terra. Il settore finanziario è poco sviluppato, e meno del 2% della popolazione ha accesso ai servizi finanziari.

east-timor-gdp-growth-annual
Crescita PIL del Timor Est

Qual è il futuro di Timor Est? Il Paese potrebbe modellarsi a immagine e somiglianza di altri piccoli Stati della zona, come il Brunei o Singapore, che fanno rispettivamente dell’offshore e del settore finanziario i loro fiori all’occhiello dell’economia. In questo senso la strada sembra essere ancora lunga. Il Timor Est necessita di maggiori investimenti infrastrutturali che preparino il terreno per l’insediamento di nuove aziende, banche e multinazionali che porterebbero molti nuovi capitali stranieri.

Fonti:

http://www.heritage.org/index/country/timorleste

http://www.easttimorgovernment.com/economy.htm

http://www.easttimorgovernment.com/history.htm

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...