La questione di genere in Bielorussia: cosa c’è oltre le statistiche?

A livello di numeri e statistiche, le donne della Repubblica di Belarus (cosiddetta Bielorussia) sembrerebbero non passarsela poi così male rispetto ad altri Paesi dell’Europa orientale – e non solo. Nel Global Gender Gap Index del 2017, Belarus si trova al 26° posto su 144 Paesi, in una posizione più alta di quella di Australia e Paesi Bassi.

Non ci sono disparità di genere nell’educazione primaria e secondaria, anzi, le donne sono più propense degli uomini a intraprendere l’educazione terziaria: nel 2016, il 56,1 % delle bielorusse – contro il 43,9 % della controparte maschile – possedeva un’istruzione universitaria. Inoltre, il livello di partecipazione all’economia della forza lavoro femminile si mantiene relativamente alto e stabile dal 2000 (circa il 52 % delle donne sopra i 15 anni). Anche la rappresentazione politica femminile ha visto dei sostanziosi progressi negli ultimi decenni: alle elezioni locali di febbraio scorso, il 48,2 % dei nuovi eletti era composto da donne, così come il 34% dei deputati attualmente presenti nel parlamento nazionale (e la media mondiale si attesta intorno al 22,9 %).

Un modello di società patriarcale

Eppure, queste moderne donne bielorusse colte e ambiziose, che cercano di realizzarsi professionalmente e di contribuire allo sviluppo e all’economia del Paese, si trovano molto spesso a scontrarsi con una mentalità in parte ancorata a modelli di genere “tradizionali” di impronta patriarcale.

Solo un paio di anni fa, Lidia Yermoshina – Presidentessa della Commissione Elettorale Centrale (CEC) di Belarus dal 1996 – affermava che “le donne sono apolitiche per natura”. Secondo il suo punto di vista, insomma, le donne avrebbero bisogno di tenersi impegnate in attività come la vita coniugale, la cucina e il cucito, non in questioni “astratte” come la vita pubblica. D’altronde, la stessa Yermoshina preferisce definirsi come “dipendente pubblica” piuttosto che “politica”, e di dichiarazioni di questo genere ne ha fatte molte altre. Come quando ha definito le donne che non pensano al matrimonio come “anormali” e “disumane”, dal momento che creare una famiglia e occuparsi dei figli fa parte della “mentalità femminile”; oppure, quando ha espresso la propria antipatia verso il movimento femminista, sostenendo di essere stata in grado di raggiungere il proprio ruolo all’interno della CEC solo grazie al comunismo.

lidiya_ermoshina_belarus_011115
Lidia Yermoshina, Presidentessa CEC dal 1996

E su quest’ultimo punto, in effetti, Yermoshina potrebbe non avere torto. Proprio durante il periodo sovietico, nell’attuale Repubblica di Belarus, sono state avviate le prime politiche di emancipazione femminile. Grazie al comunismo, infatti, ebbe inizio la “femminilizzazione” dei settori a basso reddito dell’economia nazionale, oltre che la distribuzione di sussidi e agevolazioni alle donne, e venne fondato il Comitato Bielorusso delle Donne Sovietiche. Le bielorusse ebbero così accesso, per la prima volta, all’istruzione e alle professioni di prestigio, alla sanità pubblica – diritto di aborto incluso – e ai servizi per l’infanzia.  Tuttavia, già all’epoca, non c’era nessuna vera intenzione di sfidare il modello patriarcale esistente: più che a difendere gli interessi delle donne, il partito mirava a salvaguardare la costruzione del comunismo, strumentalizzando la questione femminile (ben lontana dall’essere risolta).

Nella società bielorussa, infatti, le tradizionali divisioni di genere fra donna come “moglie, madre, e casalinga” accondiscendente, e uomo come “capofamiglia” forte e impegnato nella vita pubblica, sono tuttora ben radicate nell’immaginario collettivo. Media, sistema educativo, e politica contribuiscono al perpetuarsi di questi stereotipi. Lo stesso Presidente Lukashenko non sembra attribuire grande importanza all’implementazione delle politiche di genere, avendo recentemente rigettato la prospettiva di una bozza di legge per la criminalizzazione della violenza domestica – etichettandola come “nonsense occidentale”.

In Belarus, quindi, la priorità delle politiche di educazione di genere sembra essere ancora quella di preservare l’istituto della famiglia e di integrare la definizione di ruoli e abilità di donne e uomini in base a qualità “innate” legate al sesso biologico.

La discriminazione economica  

La discriminazione sostanziale delle donne bielorusse è giunta così fino ai giorni nostri, soprattutto in ambito economico – sotto forma di “doppio carico” di lavoro dentro e fuori le mura domestiche. In diversi studi sociologici, le donne lavoratrici bielorusse hanno affermato di spendere il doppio del tempo nella cura della casa e della famiglia rispetto ai propri compagni (81,5% nel 2013); e sono loro le prime, nelle coppie con figli, a scegliere di lavorare part-time.

gender_pic-crop_0

Un alto livello d’istruzione, inoltre, non garantisce automaticamente alle donne le stesse opportunità degli uomini nel mercato del lavoro: in Belarus, la maggior parte delle donne è impiegata in settori economici mal pagati e socialmente poco prestigiosi, come quelli pubblici della sanità e dell’educazione. A parità di posizione, rispetto agli uomini, le bielorusse ad oggi vengono pagate circa il 25 % in meno – divario aumentato rispetto al 2001, quando era “solo” del 19 %.

Anche un’agevolazione sociale molto positiva come il congedo di maternità retribuito fino a un massimo di 3 anni (eredità del periodo sovietico) può rivelarsi un elemento di discriminazione al momento di scegliere se assumere una donna, soprattutto nel settore privato. In qualsiasi ambito lavorativo, poi, il famoso “soffitto di cristallo” rimane ben presente: sono poche le donne che raggiungono i vertici e le posizioni dirigenziali – che si tratti di aziende, uffici pubblici o cariche accademiche.

La discriminazione politica

Non ci sono barriere legali all’equa partecipazione delle donne alla vita pubblica di Belarus. Anzi, abbiamo già visto che le donne bielorusse non sono assenti dalla scena politica. Tuttavia, il loro numero resta relativamente basso, così come la loro posizione nella scala gerarchica. In varie occasioni, il Comitato ONU per l’Eliminazione della Discriminazione contro le Donne (CEDAW) ha espresso profonda preoccupazione, non solo per il fatto che le donne di Belarus siano sottorappresentate ai vertici di governo, giudiziari e diplomatici, ma anche per la generale assenza della questione dell’uguaglianza di genere dai programmi elettorali di pressoché tutti i candidati politici, maschi e femmine.

Per le autorità, infatti, le politiche di genere rivestono una priorità talmente bassa, che anche quando vengono preposte delle apposite istituzioni pubbliche (come il Consiglio Nazionale per la Politica di Genere, creato nel 2000) esse sono raramente attive ed efficaci.

1_6
Partecipazione politica delle donne in Bielorussia fra 2000 e 2016                  (Fonte: gender-route.org)

Il regime autoritario di Lukashenko, d’altra parte, lascia poco spazio alle opportunità di influenzare i processi di decisione politica – e di conseguenza anche alla salvaguardia degli interessi delle donne. Ad oggi, UE e OSCE non hanno riconosciuto come legittimi nessuno dei risultati elettorali raggiunti dal 1996 (pesanti accuse di falsificazione e frode sono peraltro state mosse contro la CEC, e Yermoshina in particolare). Inoltre, proprio a causa della sua forte dipendenza dall’Amministrazione del Presidente, il parlamento non può essere considerato un organo legislativo a pieno titolo: il 34% delle deputate attualmente presenti a livello nazionale sarebbe quindi una conseguenza diretta più della volontà di Lukashenko, che dei cittadini bielorussi.

Nel 2014, l’OEEC (Office for European Expertise and Communications) di Minsk ha rilevato che l’86,6% dei bielorussi considerava la mancanza di rappresentanza delle donne in politica come naturale ordine delle cose, in quanto necessaria conseguenza del ruolo primario rivestito dalle donne come mogli e madri.

Il primo (e unico) partito politico delle donne nato nel 1994, “Nadzeja”, è stato soppresso dalla Corte Suprema bielorussa nel 2007.

Un movimento femminile, ma non femminista

Il movimento femminista in Belarus non ha mai visto la luce, perché – come già accennato – le prime politiche di genere sono state introdotte nel Paese dalla dominazione sovietica.

Secondo un sondaggio condotto nel 2012, all’interno della Comunità degli Stati Indipendenti (CSI) – composta da 9 delle 15 ex Repubbliche Socialiste Sovietiche – Belarus è in assoluto il Paese con il minor livello di tolleranza verso le idee femministe: solo il 4% delle donne e il 6% degli uomini si sono dichiarati a favore. Anche i politici, che siano sostenitori del governo o dell’opposizione, ne prendono pubblicamente le distanze. Alyona Alkhovka, direttrice dell’Associazione Internazionale per la Prospettiva di Genere, riconduce questa attitudine dei bielorussi a un’interpretazione distorta dell’assunto portante del femminismo, ossia la distinzione tra sesso biologico e ruolo socialmente costruito dei generi.

Tuttavia, ciò non significa che non esista un movimento femminile nella società bielorussa – anche se, ad oggi, estremamente frammentato, debole e inefficace. Anzi, gli attori più proattivi nel settore di genere sono proprio le organizzazioni della società civile: la loro influenza sull’opinione pubblica sarà magari ancora limitata – le ONG di donne registrate nel Paese sono circa una trentina, meno dell’1,5 % del totale – ma sono le uniche a farsi portatrici di valori di uguaglianza di genere, e a cercare di sollecitare lo Stato a mantenere gli impegni presi in questo ambito. Nel febbraio 2017, il Consiglio dei Ministri ha infatti firmato l’ennesimo piano d’azione nazionale per l’uguaglianza di genere (il quinto dal 2000), l’ultimo di una lunga serie mai giunta ad un’implementazione reale.

8_zabeg_8marta_08032017_zam_tutby_phsl
Maratona femminile a Minsk per la Giornata Internazionale della Donna

Tenendo a mente il difficile contesto legislativo in cui si muovono in generale le ONG bielorusse, si può comprendere come le organizzazioni femminili finiscano per essere fortemente penalizzate dal regime di Lukashenko. Le organizzazioni non-governative create e controllate dal governo (cosiddette GONGO) riescono facilmente a prevalere anche in questo campo: fra di esse, figura l’erede del Comitato delle Donne Sovietiche, ossia l’Unione Bielorussa delle Donne che – dal 1991 – raccoglie ormai più di 170,000 iscritte. La sua funzione principale, infatti, è quella di aiutare il regime a monopolizzare il settore, promuovendo valori familiari tradizionali in cambio di generose sovvenzioni statali.

Per questo motivo, negli ultimi anni sono fiorite online numerose iniziative non registrate a sostegno dei diritti delle donne (e addirittura del femminismo) – come MakeOut, Zdolnaya, Gender Route and HerRights. Tutti progetti che aprono nuove strade alla lotta per la parità di genere, ma che rimangono caratterizzati da una bassa popolarità e numerose restrizioni legali.

Quello che manca veramente in Belarus è un approccio integrato alla questione femminile da parte di Stato, società, media e attivisti, che – attraverso l’educazione – aiuti cittadine e cittadini a comprendere la connessione presente fra stereotipi di genere e diseguaglianza. Migliorare semplicemente la condizione delle donne all’interno del sistema esistente non basta più. Servono cambiamenti fondamentali alla base della struttura stessa delle relazioni sociali – e questo non solo in Belarus, ma anche nel resto del mondo.

FONTI E APPROFONDIMENTI

BelTA – Belarus news:

https://eng.belta.by/politics/view/belarus-local-elections-almost-half-of-new-councilors-are-women-109496-2018/

 https://eng.belta.by/president/view/lukashenko-lambastes-new-domestic-violence-bill-115411-2018/

Journal DipService, 8 luglio 2016, p. 70-79:

https://issuu.com/dipservice/docs/journal_dipservice_11

Belarus in Focus:

http://competition2016.belarusinfocus.info/articles/i-am-position-thanks-communism-not-feminism/

The World Bank:

http://blogs.worldbank.org/europeandcentralasia/has-belarus-really-succeeded-pursuing-gender-equality

The Borgen Project:

https://borgenproject.org/girls-education-in-belarus-equal-education-is-not-equal-opportunity/

Belarus Digest:

https://belarusdigest.com/story/feminism-in-belarus-present-but-unpopular/

https://belarusdigest.com/story/womens-activism-in-belarus-towards-the-real-gender-equality/

East-European School of Political Studies, Country report, Participation of Women in Public and Political Life – Belarus, 2013:

https://rm.coe.int/1680599095

Office for European Expertise and Communications, Analysis of the Gender Sector in Belarus, 2014:

http://eng.oeec.by/wp-content/uploads/2015/06/Analysis-of-Gender-Sector-in-Belarus.pdf

The World Bank, Poverty Reduction and Economic Management Unit – Europe and Central Asia Region, Belarus: Country Gender Profile, 2014:

http://documents.worldbank.org/curated/en/518041468201598756/pdf/763250ESW0P1320r0Assessment0020140.pdf

Rispondi