Europa27: Spagna

Il nostro focus sulle elezioni europee continua. Approfondiremo le realtà politiche dei 27 Paesi e i loro rapporti con le istituzioni europee per comprendere chi saranno gli sfidanti nazionali e dove confluiranno a livello europeo. Questo primo articolo, tra quelli che ci accompagneranno fino al 26 maggio, andrà ad analizzare partiti, protagonisti e tematiche della Spagna.

Il 23-26 maggio, 36 milioni di cittadini spagnoli dovranno eleggere i loro 54 rappresentanti per il Parlamento Europeo. I principali partiti e coalizioni che si sfideranno sono sette e qualora l’accordo per la Brexit fosse approvato, i seggi del Regno Unito verrebbero redistribuiti e gli sfidanti potrebbero guadagnare 5 seggi in più. A causa dell’estensione della Brexit, ad oggi questa possibilità resta incerta. La campagna elettorale per le europee è, tuttavia, posta in secondo piano rispetto a quella per le elezioni generali, che si terranno il prossimo 28 aprile.

A tal riguardo, nei prossimi giorni analizzeremo in dettaglio l’appuntamento elettorale nazionale e le sue ricadute sul voto europeo. Andiamo ora ad osservare più da vicino i partiti in competizione, i volti dei protagonisti e le tematiche principali di questa campagna elettorale spagnola.

intenzioni di voto spagna

Partiti

Partido Popular (PP)

  • Partito europeo: European People’s Party (EPP)
  • Gruppo parlamentare: European People’s Party (EPP)

Partito dell’ex presidente Mariano Rajoy, è la maggiore formazione di centro-destra in Spagna. Dopo la disastrosa caduta del governo di Rajoy a giugno 2018, il PP ha incominciato una fase di profonda trasformazione in una chiave “renziana”. Il nuovo leader Pablo Casado ha rottamato tutti i vertici del partito, dando origine al più grande rinnovamento della sua élite dal 1989. Questo, insieme alle elezioni anticipate fissate per il 28 aprile, ha forse distolto alcune energie del PP nei riguardi delle elezioni europee. Infatti, il partito non ha ancora un capolista e i suoi voti rischiano di disperdersi verso la nuova formazione di destra populista Vox, un partito vicino al Rassemblement National (ex Front National) francese e alla Lega nostrana.

Partido Socialista Obrero Español (PSOE)

  • Partito europeo: Party of the European Socialists (PES)
  • Gruppo parlamentare: Progressive Alliance of Socialists and Democrats (S&D)

Il PSOE è un partito di centro-sinistra, attuale partito di governo guidato dal presidente Pedro Sánchez. Lo scorso 19 febbraio, il governo è stato sfiduciato sulla legge di bilancio, ma nonostante ciò, secondo i sondaggi, il PSOE guadagnerà la maggioranza dei voti nelle prossime europee. Secondo le proiezioni, il partito dovrebbe superare il 25% delle preferenze ed eleggere, così, 16 eurodeputati, riguadagnando la vittoria ( dal 2004.

Unidas Podemos Cambiar Europa (Podemos – IU – Equo)

  • Partito Europeo: Podemos/Now the People; IU/Party of European Left; Equo/European Green Party
  • Gruppo parlamentare: Party of European Left; Nordic Green Left (GUE/NGL); European Free Alliance (GREENS/EFA)

Questa coalizione riunisce le formazioni più a sinistra nello spettro politico spagnolo. Podemos, fondato dal politologo Pablo Iglesias nel 2014, nasce dalle proteste degli indignados ed è di ispirazione socialista, con un forte spirito ecologista e propone una forma più diretta di democrazia, per questo è considerato un partito populista di sinistra. IU o Izquierda Unida (sinistra unita) è una formazione nata nel 1986 che riunisce vari partiti di sinistra ed estrema sinistra. Anche Equo è una coalizione e riunisce quelli che furono 35 partiti ecologisti spagnoli. Attualmente, occupano 10 seggi al Parlamento Europeo (rispettivamente cinque, quattro e uno).

Ciudadanos

  • Partito Europeo: Alliance of Liberals and Democrats for Europe
  • Gruppo parlamentare: Alliance of Liberals and Democrats for Europe

La formazione Ciudadanos nasce nel 2006 da alcuni membri di spicco della società civile spagnola. Il partito ha ispirazione liberale e ha ottenuto due seggi alle elezioni europee del 2014.

Ahora Republicas (ERC – EH Bildu – BNG)

  • Partito Europeo: European Free Alliance
  • Gruppo Parlamentare: The Greens – European Free Alliance, G/EFA

I partiti nazionali che compongono questa coalizione condividono un’ideologia indipendentista. L’ERC (Esquerra Republicana de Catalunya) nasce a Barcellona ed è una formazione di sinistra. Nel 2017 ha sostenuto Carles Puigdemont nell’approvazione del referendum sull’indipendenza della Catalogna. L’EH Bildu (Euskal Herria Bildu/Paesi Baschi Uniti) è una coalizione di nazionalisti baschi di sinistra. E il BNG (Bloque Nacionalista Gallego) è un partito autonomista galiziano. Alle scorse elezioni hanno guadagnato 3 seggi al Parlamento Europeo.

Junts per Catalunya (PDeCAT)

  • Partito Europeo: nessuno dopo la sua espulsione dall’Alleanza dei Democratici e dei Liberali per l’Europa (ALDE)

Questo partito è il più controverso nella competizione. Nasce dal disciolto Convergencia Decomoratica per Catalunya dell’ex presidente della Generalitat de Catalunya e promotore del referendum per l’indipendenza della regione, Carles Puidgemont. È presente al Parlamento Europeo con 3 seggi.

Coalizione Izaskun Bilbao: (PNV + CC + CxG)

  • Partito europeo: Partito democratico europeo (PDE)
  • Gruppo politico: Alleanza dei liberali e dei democratici per l’Europa (ALDE)

La lista unita dall’eurodeputato Izaskun Bilbao del Partido Nacionalista Vasco unisce tre partiti autonomisti, PNV, Coalicion Canaria e Compromiso por Galicia. La capolista Bilbao Barandica è una dei tre Europarlamentari della coalizione.

Seggi Spagna.jpg

Protagonisti

Partido Popular: candidato non definito

La lista includerà Esteban González Pons, vice presidente del gruppo popolare, e Antonio López-Istúriz, segretario generale del Partito popolare europeo. González Pons è a capo del gruppo di lavoro sulla Brexit per il PPE e López-Istúriz è segretario generale del PPE dal 2002. Questi due nomi sono i probabili candidati alla posizione di capolista.

Partido Socialista Obrero Español: Josep Borrell

Josep Borrell, attuale ministro degli affari esteri, ha guidato la lista del PSOE nelle elezioni europee del 2004. Dopo quelle elezioni è stato eletto presidente del Parlamento Europeo, carica che ha ricoperto fino al 2007. L’esperienza di Borrell sembra designarlo come candidato favorito a diventare nuovo Commissario Europeo.

Unidas Podemos Cambiar Europa: Pablo Bustinduy

La guida di questa coalizione di sinistra è stata affidata a Pablo Bustinduy. Portavoce di Podemos alla Commissioni Affari Esteri, Bustinduy è anche il segretario per le relazioni internazionali del partito. Gli altri candidati di Podemos sono l’eurodeputato Miguel Urbán e la senatrice Idoia Villanueva.

Ciudadanos: Luis Garicano

Il presidente di Ciudadanos, Albert Rivera, ha nominato Luis Garicano, responsabile economico del partito e vicepresidente del Partito dei liberali europei (ALDE). I militanti del partito hanno appoggiato questa decisione sostenendo l’economista con il 71% dei voti. Un volto interessante, compreso nella lista, è Maite Pagazaurtundúa, eurodeputata del Union Progreso y Democracia dal 2014, che sarà presentata come indipendente nella formazione liberale.

Ahora Repúblicas: Oriol Junqueras

Il presidente dell’Esquerra Republicana de Catalunya, Oriol Junqueras, sarà il capo della lista della candidatura congiunta dei partiti indipendentisti di sinistra (ERC, EH Bildu e BNG). Junqueras ha già ricoperto la carica di eurodeputato tra il 2009 e il 2012. Attualmente è detenuto per crimini di sedizione e ribellione per il referendum sull’indipendenza della Catalogna. Per questo è stata nominata capolista, in forma ufficiosa, Diana Riba, moglie di un altro ex deputato incarcerato assieme a Junqueras, e portavoce dell’Associazione Catalana per i Diritti Civili.

Junts per Catalunya: Carles Puigdemont

L’ex presidente della Generalitat Carles Puigdemont, ora in esilio volontario in Belgio, dirigerà la lista di Junts per Catalunya. Una decisione commentata dalla deputata Elsa Artadi come “il modo migliore per continuare a internazionalizzare il conflitto”. Se eletto, Puigdemont potrebbe rientrare in Spagna grazie all’immunità parlamentare e aggirare il mandato d’arresto che pende su di lui.

Coalizione Izaskun Bilbao: Izaskun Bilbao Barandica

L’eurodeputata Izaskun Bilbao Barandica si ripresenterà come candidata del Partido Nacionalista Vasco alle elezioni al Parlamento Europeo. È vicepresidente del gruppo ALDE e membro della delegazione nell’assemblea parlamentare Euro-Latinoamericana.

Parlamento europeo.jpg

Tematiche

Le tematiche riguardanti le elezioni europee sono al momento marginali nel dibattito politico, concentrato principalmente sulla questione catalana e sulle elezioni generali. L’esito di quest’ultime rappresenterà una sorta di primo turno seguito dall’elezione europea che sancirà definitivamente gli equilibri politici utili per la creazione del prossimo governo, probabilmente varato a giugno.

Il Partido Popular sostiene la necessità della creazione di un esercito comune europeo. Il suo portavoce Gonzales Pons ha sostenuto la linea europeista del partito appellandosi all’unità europea come unico modo per affrontare gli effetti della Brexit, la crisi migratoria e le ingerenze russe.

Il programma europeo del PSOE enfatizza la necessità di un’armonizzazione fiscale tra i Paesi dell’Unione Europea, per limitare la competizione sleale tra Stati, così come di un salario minimo europeo e che un Fondo Monetario Europeo intervenga a sostegno dei Paesi in difficoltà se sottoposti agli scossoni di una nuova crisi economica. Richiedono, inoltre, l’introduzione di un codice di condotta europeo per regolamentare le esportazioni di armi.

Alcune proposte interessanti della formazione Unidas Podemos, provengono da Izquierda Unida. In linea con le tematiche ecologiste condivise con gli altri partiti, i portavoce di IU hanno intenzione di chiedere un aiuto europeo nella salvaguardia del fiume Tago, il più lungo della penisola Iberica. Nel corso degli anni, la creazione di molti bacini artificiali ha trasformato il corso del fiume, contribuendo all’attuale crisi idrica e ambientale della comunità autonoma Castiglia – La Mancha. Inoltre, richiedono l’implementazione di un sistema ferroviario europeo sostenibile ed ecologico e un superamento dell’attuale Politica Agricola Comune, nell’ottica di combattere lo spopolamento delle aree rurali dell’Europa.

Fonti e approfondimenti

ElMundo, “Pablo Casado fulmina el marianismo y revoluciona las listas del PP”

https://www.elmundo.es/espana/2019/03/15/5c8c1de8fc6c8387638b45e7.html

ElPais, “José Blanco se queda fuera de la lista europea del PSOE y entra César Luena”

https://elpais.com/politica/2019/03/17/actualidad/1552813289_073486.html

http://www.europarl.europa.eu/news/en/press-room/elections-press-kit/5/projections-of-seats-of-next-parliament

ElDiario, “Las prioridades de IU en Europa: la protección del Tajo, la lucha contra la despoblación y el ferrocarril”

https://www.eldiario.es/clm/prioridades-IU-Europa-Tajo-despoblacion_0_866864026.html

EuropaPress, “Garicano será el candidato de Ciudadanos a las elecciones europeas”

https://www.europapress.es/nacional/noticia-garicano-sera-candidato-ciudadanos-elecciones-europeas-20190208144323.html

ElDiario, “Junqueras anuncia que quiere ser el candidato de ERC para las elecciones europeas”

https://www.eldiario.es/catalunya/Junqueras-candidato-ERC-elecciones-europeas_0_819618190.html

Share this post

Un commento Aggiungi il tuo

Rispondi